29 Maggio 2024

Auto elettrica: nel 2023 Italia ancora indietro rispetto agli altri Paesi europei

Dopo il 2022, annus horribilis del mercato italiano dell’automotive con record negativo di vendite, nel 2023 è arrivata leggera una ripresa con quasi 1,6 milioni di auto vendute in Italia: una crescita di circa il 20% in un anno, anche se ancora siamo a livelli decisamente inferiori a quelli pre-crisi. Come riportato nell’ultima edizione del Report “I 10 key trend sul clima in Italia”, questa dinamica ha interessato anche l’auto elettrica: sono state 66 mila le auto elettriche vendute nel nostro Paese nel 2023, rispetto alle sole 49 mila vendute nel 2022 (quindi +35% di vendite in un solo anno).

Nonostante ciò, il nostro Paese continua a trovarsi molto al di sotto della media europea: nel 2023 solo il 4,2% del totale immatricolato in Italia è costituito da auto elettriche (BEV), mentre a livello europeo abbiamo superato il 14%. A primeggiare tra i Paesi europei troviamo, come era da aspettarsi, molti Paesi del nord Europa come la Svezia, con più del 38% di auto elettriche immatricolate, seguita dalla Danimarca con il 36% e dalla Finlandia con quasi il 34%. Ma guardando alle grandi economie dell’UE, è la Germania a trainare il settore (con il 18% del mercato nazionale e oltre 500 mila auto elettriche vendute) seguita dalla Francia (con il 17% e quasi 300 mila unità). Spagna e Polonia, invece, sono ancora ferme, come l’Italia, intorno al 4 o 5% del mercato.

Secondo i dati dell’Agenzia Internazionale dell’Energia, anche a livello mondiale stiamo assistendo ad una crescita estremamente rapida degli investimenti sull’auto elettrica, che nel 2023 hanno sfiorato i 130 miliardi di $ più che raddoppiando nel giro di un biennio. In questo contesto, insomma, l’Italia sembra rappresentare più un’eccezione che la regola e non puntare adeguatamente su una delle tecnologie che dovrebbero aiutare a decarbonizzare il settore dei trasporti, uno dei più ostici da affrontare, come ci rammenta il fatto che ancora nel 2023 è stato l’unico settore che ha visto ancora crescere consumi ed emissioni e che ancora il 90% di queste emissioni derivano dal trasporto su strada e, innanzitutto, dalle automobili con motori a combustione interna.

Ovviamente non bisogna dimenticare che questi mezzi di trasporto giocano “solo” la loro parte nella lotta per la decarbonizzazione del settore dei trasporti e che, soprattutto in luoghi come le città, la sfida non è solo passare all’elettrico, ma piuttosto favorire nuovi approcci alla mobilità, basati ad esempio sulla ciclo-pedonalità, sulla mobilità pubblica e condivisa, sulla intermodalità e sulle nuove tecnologie ecc. Ma ovviamente questa consapevolezza non deve trasformarsi in un alibi per frenare in Italia lo sviluppo dell’auto elettrica.

  • Pillole

    14 Giugno 2024

    Unione europea, transizione energetica e disinformazione: cinque miti da sfatare

    La cattiva informazione è percepita sempre più come una minaccia incombente, tanto da spingere

  • Pillole

    10 Giugno 2024

    Piemonte | Le performance per contrastare il cambiamento climatico

    Come sta andando il Piemonte nella lotta al cambiamento climatico? Dal

  • Pillole

    4 Giugno 2024

    Cina, Usa, India e UE: quali saranno i leader della transizione?

    Nelle trattative globali sul clima, a cominciare da quelle svolte