14 Giugno 2022

Tassonomia UE con gas e nucleare: il NO delle associazioni italiane

UE voto tassonomia

Photo by Guillaume Périgois on Unsplash

Oggi al Parlamento europeo si tiene una sessione di voto da parte delle Comissioni Economia e Ambiente per respingere l’inclusione di gas e nucleare fra le attività ritenute ecosostenibili dalla Tassonomia europea. Quella di oggi è una sessione preliminare, con la votazione definitiva prevista per il prossimo mese di luglio da parte del Parlamento riunito in seduta comune.

Undici Associazioni italiane, fra cui la Fondazione per lo svilippo sostenibile e alcune delle organizzazioni del nostro Stakeholder Forum, hanno inviato agli europarlamentari una lettera per invitarli a respingere l’inclusione del gas e dell’energia nucleare nell’ “Atto delegato complementare” della Tassonomia, per evitare di dirottare miliardi di euro dalle energie rinnovabili e da altre tecnologie verdi verso i fossili inquinanti e la costosa energia nucleare.

In uno degli incontri del nostro Stakeholder Forum sul Clima abbiamo raccontato le ragioni per cui non è possibile includere queste due attività nella Tassonomia, se si vuole mantenere una adeguata solidità scientifica e credibilità dello strumento. La Tassonomia è uno strumento chiave per guidare i mercati privati verso questo obiettivo ma avrà successo solo se si baserà sulle indicazioni della comunità scientifica e seguirà i consigli degli esperti.

“L’UE nei prossimi dieci anni – scrivono le Associazioni – deve investire 350 miliardi di euro, aggiuntivi ogni anno, per raggiungere gli obiettivi climatici al 2030. La Commissione UE ha tuttavia proposto di classificare il gas e l’energia nucleare come investimenti “sostenibili”.

“Siamo dunque preoccupati – dicono le Associazioni – per l’impatto che questa decisione avrà sulla stessa credibilità ambientale dell’Unione Europea. Oltretutto, la guerra in Ucraina e la crisi dei prezzi dell’energia che sta causando, pongono la questione in un contesto radicalmente nuovo: il gas è infatti diventato una fonte di insicurezza energetica e di rischio geopolitico in Europa. Peraltro, la Tassonomia non impedisce alcun investimento, né obbliga nessuno a investire in alcunché. La sua funzione è infatti solo quella di chiarire quali investimenti sono sostenibili dal punto di vista ambientale”.

Se, spiegano le Associazioni, gli eurodeputati dovessero respingere quindi l’inclusione di gas e nucleare nella tassonomia, questo non impedirebbe a nessuno di sostenere gas e nucleare con finanziamenti pubblici e privati.

E’ utile rammentare – prosegue la lettera – che gli stessi investitori e le banche hanno giudicato tale soluzione controproducente: l’attuale mercato globale dei green bond esclude il gas e il nucleare e la tassonomia dell’UE non deve tornare indietro. Inoltre, il gas e l’energia nucleare non sono verdi e classificarli come tali viola la lettera e lo spirito stesso del regolamento sulla Tassonomia, che richiede che i suoi criteri siano basati su “prove scientifiche evidenti”.

L’integrità della Tassonomia, che escluda nucleare e gas, peraltro, conclude la lettera, favorirebbe gli investimenti sulla transizione di cui il Paese ha bisogno, senza in alcun modo danneggiarci.

Queste le Associazioni firmatarie: AOI Associazione ONG italiane; FOCSIV; Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile; Greenpeace Italia; Kyoto Club; Legambiente; Italian Climate Network; Movimento Laudato Sì; Campagna Sbilanciamoci!; Transport&Environment; WWF Italia.

  • News da I4C

    20 Febbraio 2024

    Le Regioni italiane alla sfida climatica: il 29 febbraio la presentazione del database CIRO

    Le Regioni e la sfida della neutralità climatica è l'appuntamento organizzato il 29 febbraio all'interno di Key-The Energy

  • News da I4C

    11 Dicembre 2023

    Decarbonizzare la filiera dell’alluminio – Stakeholder Forum I4C

    Lunedì 27 novembre si è svolto l’incontro dello Stakeholder Forum sul Clima di Italy for Climate

  • News da I4C

    16 Novembre 2023

    Stati Generali 2023: le imprese a confronto con la sfida green

    Guardare al futuro della transizione energetica con un doppio punto di vista: quello internazionale