Valentina

Circa Valentina

Questo autore non ha riempito alcun dettaglio.
Finora Valentina ha creato 103 post nel blog.

Crisi climatica: nel 2023 nuovo record di eventi estremi e siccità

Ancora nel 2023 il numero di eventi estremi e i livelli di stress idrico confermano quanto l’Italia, trovandosi nell’hotspot climatico del Mediterraneo, sia fra i Paesi europei più colpiti dagli impatti della crisi climatica.  Da un punto di vista di temperature, il 2023 è stato un anno molto caldo anche sembrerebbe non aver superato

Di |2024-05-17T11:43:02+02:00Maggio 17th, 2024|Pillole|0 Commenti

Lazio | Le performance per contrastare il cambiamento climatico

Come sta andando il Lazio nella lotta al cambiamento climatico? Dal database CIRO una panoramica delle performance aggiornate della regione, con punti di forza e fronti su cui migliorare. EMISSIONI: con 5,11 tonnellate di gas serra pro capite, il Lazio ha la seconda performance migliore d’Italia in termini di emissioni, molto al di sotto della

Di |2024-05-09T11:58:00+02:00Maggio 9th, 2024|Pillole|0 Commenti

Friuli – Venezia Giulia | Le performance per contrastare il cambiamento climatico

Come sta andando il Friuli - Venezia Giulia nella lotta al cambiamento climatico? Dal database CIRO una panoramica delle performance aggiornate della regione, con punti di forza e fronti su cui migliorare. EMISSIONI: il Friuli-Venezia Giulia registra un livello di assorbimenti naturali in relazione alla superficie fra i più elevati in Italia, mentre le emissioni

Di |2024-05-07T16:06:08+02:00Maggio 7th, 2024|Pillole|0 Commenti

Rinnovabili elettriche, nel 2023 record di eolico e fotovoltaico

Dal 2023 arriva un segnale incoraggiante per la crescita, oramai stagnante da diversi anni, delle fonti rinnovabili elettriche in Italia. Queste hanno infatti raggiunto il 44% della produzione nazionale di energia elettrica, appena un punto percentuale sopra il precedente record che risaliva purtroppo all’ormai lontano 2014, come emerso

Di |2024-04-29T17:41:15+02:00Aprile 29th, 2024|Pillole|0 Commenti

Nel 2023 riduzione record delle emissioni in Italia

Il 2023 potrebbe diventare, per l’Italia, l’anno con la più alta riduzione delle emissioni di gas serra negli ultimi 30 anni. E non solo: questa riduzione sarebbe anche compatibile con gli obiettivi climatici al 2030, se saremo in grado ovviamente di mantenere questo ritmo anche nei prossimi anni. Questo sulle emissioni

Di |2024-04-29T17:42:25+02:00Aprile 24th, 2024|Pillole|0 Commenti

Italy for Climate: nel 2023 taglio record delle emissioni serra: -6,5%

DI ANDREA BARBABELLA, PUBBLICATO ORIGINARIAMENTE SU HUFFPOST In un solo anno l’Italia ha tagliato le proprie emissioni di gas serra del 6,5%. Guardando al trend registrato fino al 2022, lo scorso anno avevamo scritto che di questo passo per raggiungere il target 2030 sulle emissioni (-55% rispetto al 1990) al nostro Paese non sarebbero bastati

Di |2024-04-22T16:54:50+02:00Aprile 22nd, 2024|Editoriali|0 Commenti

10 key trend sul clima: -6,5% di emissioni nel 2023 per l’Italia

In occasione della Giornata internazionale della Terra, abbiamo presentato il Rapporto “10 key trend sul clima” che raccoglie le tendenze più rilevanti in materia di clima ed energia che hanno caratterizzato l’Italia nel 2023   LEGGI IL RAPPORTO   Nell’ambito degli sforzi globali verso la decarbonizzazione, l’Italia ha segnato nel 2023 il taglio di emissioni

Di |2024-04-29T12:15:25+02:00Aprile 22nd, 2024|News da I4C|0 Commenti

Basilicata | Le performance per contrastare il cambiamento climatico

Come sta andando la Basilicata nella lotta al cambiamento climatico? Dal database CIRO una panoramica delle performance aggiornate della regione, con punti di forza e fronti su cui migliorare. EMISSIONI: gli assorbimenti naturali in rapporto alla superficie regionale sono più elevati della media nazionale, mentre le emissioni pro-capite sono peggiori.  ENERGIA: nel complesso, i

Di |2024-04-29T11:55:39+02:00Aprile 18th, 2024|Pillole|0 Commenti

Campania | Le performance per contrastare il cambiamento climatico

Come sta andando la Campania nella lotta al cambiamento climatico? Dal database CIRO una panoramica delle performance aggiornate della regione, con punti di forza e fronti su cui migliorare. EMISSIONI: con 3,3 tonnellate di gas serra per abitante, la Campania ha le emissioni pro capite più basse d’Italia; gli assorbimenti naturali in relazione alla

Di |2024-04-18T15:10:34+02:00Aprile 11th, 2024|Pillole|0 Commenti

Molise | I camion dei rifiuti vanno a idrogeno

Quando 30 anni fa Recupero Etico Sostenibile (Res Spa) iniziò a raccogliere e trattare i rifiuti erano le discariche, ora c'è l'idrogeno. La storia di Res, il centro all'avanguardia per il riciclo della plastica e, presto, per la produzione di idrogeno del Molise. Nel 2025 costruirà un distributore per fare rifornimento ai mezzi per la raccolta

Di |2024-04-11T12:43:51+02:00Aprile 10th, 2024|News da I4C|0 Commenti

Calabria | Le performance per contrastare il cambiamento climatico

Come sta andando la Calabria nella lotta al cambiamento climatico? Dal database CIRO una panoramica delle performance aggiornate della regione, con punti di forza e fronti su cui migliorare. EMISSIONI: la Calabria registra una buona performance, con emissioni pro-capite più basse della media nazionale, mentre sugli assorbimenti forestali la performance del 2022 è particolarmente

Di |2024-04-08T10:17:27+02:00Aprile 8th, 2024|Pillole|0 Commenti

Italia e neutralità climatica: arriva CIRO

DI CHIARA MONTANINI, PUBBLICATO ORIGINARIAMENTE SU THE MAP REPORT Le Regioni giocano un ruolo fondamentale, ancora troppo sottovalutato, nella lotta al cambiamento climatico e nell’implementazione delle politiche sulla transizione energetica. CIRO è il primo database che monitora e confronta le performance delle regioni italiane su questi temi, con l’auspicio che possano diventare rilevanti anche in

Di |2024-04-08T09:47:10+02:00Aprile 4th, 2024|Editoriali|0 Commenti

Sardegna | Le performance per contrastare il cambiamento climatico

Come sta andando la Sardegna nella lotta al cambiamento climatico? Dal database CIRO una panoramica delle performance aggiornate della regione, con punti di forza e fronti su cui migliorare. EMISSIONI: gli assorbimenti naturali in rapporto alla superficie sono superiori alla media nazionale, mentre le emissioni pro capite di gas serra, purtroppo, sono le più

Di |2024-04-03T12:08:58+02:00Aprile 3rd, 2024|Pillole|0 Commenti

Lombardia | Si decarbonizza riutilizzando scarti e rifiuti

Il rifiuto è destinato a diventare più di una risorsa, un bene. Ne sono convinti alla Montello Spa, azienda leader nel recupero e riciclo dei rifiuti di imballaggi in plastica e dei rifiuti organici provenienti dalla raccolta differenziata, polo della green economy in Lombardia. Ogni anno Montello accoglie più di 300mila tonnellate di rifiuti plastici e

Di |2024-04-02T11:36:11+02:00Aprile 2nd, 2024|News da I4C|0 Commenti

Veneto | Gli agricoltori i pionieri dell’energia condivisa

In Veneto gli agricoltori sono contemporaneamente consumatori e produttori di energia elettrica, ciò che nelle direttive europee si chiama "prosumer". Oggi il Veneto ha il record di comunità energetiche avviate nel 2002 grazie anche alla collaborazione con Coldiretti con cui è nato un modello pensato per il mondo agricolo, Energia agricola a km 0: si

Di |2024-04-02T11:37:12+02:00Aprile 1st, 2024|News da I4C|0 Commenti

Valle d’Aosta | Tutta l’energia consumata viene da fonti rinnovabili

La Valle d'Aosta è la prima Regione in Italia per consumi di energia da fonti rinnovabili e la maggior parte di quest'energia proviene dall'idroelettrico. Ma la regione ha anche un importante primato: oltre a soddisfare con l'idroelettrico il proprio fabbisogno, riesce a trasferire circa il 65% dell'energia prodotta con questa fonte alla rete elettrica nazionale. All’interno

Di |2024-04-02T10:36:05+02:00Marzo 30th, 2024|News da I4C|0 Commenti

Sicilia | La siccità si combatte con la “smart irrigation”

Grazie alla conversione degli impianti di irrigazione in sistemi a goccia negli agrumeti della Piana di Catania si risparmiamo ogni anno oltre 72 milioni di metri cubi di acqua, ovvero circa il 30%. L'agricoltura è il settore che in Italia consuma più acqua con il 40% dei prelievi nazionali, pari a circa 16 miliardi di metri cubi

Di |2024-03-25T10:59:08+01:00Marzo 25th, 2024|News da I4C|0 Commenti

Emilia Romagna | Le performance per contrastare il cambiamento climatico

Come sta andando l’Emilia Romagna nella lotta al cambiamento climatico? Dal database CIRO una panoramica delle performance aggiornate della regione, con punti di forza e fronti su cui migliorare.  EMISSIONI: gli assorbimenti naturali in Emilia-Romagna sono in linea con la media nazionale, mentre le emissioni di gas serra sono più alte, in parte da

Di |2024-03-25T10:59:39+01:00Marzo 25th, 2024|Pillole|0 Commenti

Toscana | Le foreste affondano le radici nella storia

Con 1 milione e 151mila ettari di superficie boscata, la Toscana è in proporzione la regione più verde d'Italia, il 50% del suo territorio è coperto da foreste ed è straordinaria anche la varietà del miliardo e mezzo di alberi censiti. Una ricchezza che rappresenta anche uno straordinario meccanismo di compensazione di CO2, indispensabile per contrastare

Di |2024-03-25T10:14:40+01:00Marzo 22nd, 2024|News da I4C|0 Commenti

Sardegna | Il recupero dell’Argentiera: così si frena il consumo di suolo

Ristrutturare edifici puntando alla riqualificazione di quelli esistenti per frenare il consumo di suolo: è ciò che è successo con l'antica laveria dell'Argentiera, la miniera che sorgeva in Sardegna a pochi chilometri da Sassari. Negli ultimi anni, però, il progetto di riqualificazione delle strutture e di bonifica dei terreni, inquinati dai metalli pesanti degli scarti

Di |2024-03-20T11:47:03+01:00Marzo 20th, 2024|News da I4C|0 Commenti

Abruzzo e Sardegna: ecco le sfide su clima ed energia che dovranno affrontare

DI ANDREA BARBABELLA, PUBBLICATO ORIGINARIAMENTE SU HUFFPOST In occasione della tre giorni di KEY – The energy transition expo, Italy for Climate ha presentato al pubblico il primo database sulle performance climatiche ed energetiche delle regioni italiane sviluppato in collaborazione con Ispra, l’agenzia governativa per la protezione ambientale. CIRO (Climate Indicators for Italian RegiOns) analizza

Di |2024-03-20T09:55:28+01:00Marzo 20th, 2024|Editoriali|0 Commenti

Piemonte | La centrale idroelettrica finanziata dai cittadini

L'idroelettrico sostenuto con un crowdfunding tra i residenti è la storia che sta cambiando il volto energetico di Quassolo dove è bastato sfruttare un salto di acqua della Dora Baltea per produrre 8.300.000 kwh all'anno. La piccola centrale idroelettrica inaugurata da Edison infatti è stata costruita anche attraverso il finanziamento collettivo che ha coinvolto gli abitanti dei Comuni di

Di |2024-03-19T12:10:21+01:00Marzo 19th, 2024|News da I4C|0 Commenti

Trentino-Alto Adige | Edilizia green: riuso e risparmio per adattarci al clima che cambia

Puntare con forza sulla sostenibilità edilizia e sulla necessità di certificazioni energetiche per un settore che può essere protagonista della transizione è la mission di Casa Clima. Oggi l'Agenzia è un ente strumentale della Provincia Autonoma di Bolzano e, come struttura pubblica, si occupa della certificazione energetica degli edifici, della formazione e della comunicazione: più

Di |2024-03-18T12:51:18+01:00Marzo 18th, 2024|News da I4C|0 Commenti

Abruzzo | Le performance per contrastare il cambiamento climatico

Come sta andando l'Abruzzo nella lotta al cambiamento climatico? Dal database CIRO una panoramica delle performance aggiornate della regione, con punti di forza e fronti su cui migliorare.  Emissioni: l’Abruzzo registra una buona performance per quanto riguarda le emissioni pro-capite ed è fra le regioni con il più alto numero di assorbimenti naturali in rapporto

Di |2024-03-15T13:00:44+01:00Marzo 15th, 2024|Pillole|0 Commenti

Marche | Un laboratorio per un’industria meno impattante

Materiali bio-based (interamente o parzialmente derivati da biomassa, piante e vegetali in primis),  economia circolare e riuso del rifiuto post-industriale e post-consumo sono gli ingredienti del futuro che possa prescindere dai combustibili fossili che si sta progettando alle porte di Camerino. Si chiama MARLIC, Marche Applied Research Laboratory for Innovative Composites, il laboratorio dedicato alla manifattura

Di |2024-03-18T12:52:14+01:00Marzo 15th, 2024|News da I4C|0 Commenti

Abruzzo | Il biodinamico che aiuta a proteggere la Natura

L'Abruzzo, la regione con più aree protette d'Italia pari al 30% di tutto il suo territorio, sperimenta nuovi modelli di sostenibilità che mettono insieme agricoltura, alimentazione e biodiversità. In provincia di Chieti si trova il vigneto biodinamico più grande al mondo, quello della Bio Cantina Orsogna che con una produzione di 2-2,5 milioni di bottiglie all'anno

Di |2024-03-14T11:47:30+01:00Marzo 14th, 2024|News da I4C|0 Commenti

Calabria | L’agricoltura biologica diventa strumento di lotta alla mafia

La cura dell'ambiente incontra la resistenza e il riscatto sociale nella storia di Goel, la cooperativa di Gioiosa ionica che riunisce oltre 50 aziende, di cui una trentina impegnate nell'agricoltura biologica, e che sta portando un cambiamento profondo in tutta Calabria dimostrando che anche con l'agricoltura si può sfidare la 'ndrangheta e si può cambiare. E

Di |2024-03-14T11:28:14+01:00Marzo 12th, 2024|News da I4C|0 Commenti

Basilicata | Le vigne salgono in quota per sopravvivere

Raccolta dati, biodiversità e Intelligenza Artificiale sono parole chiave per una viticoltura sostenibile, con un'attenzione che va dalla logistica all'imbottigliamento, dalle rinnovabili alla biodiversità. Alle pendici del monte Vulture l'azienda vitivinicola Terra dei Re coltiva i suoi 11 ettari di terreni con l'obiettivo di generare il minor impatto possibile sul territorio. Se nel 2010 ogni singola bottiglia

Di |2024-03-14T11:28:36+01:00Marzo 12th, 2024|News da I4C|0 Commenti

Lazio | Mobilità dolce per fermare l’inquinamento

La mobilità leggera a zero emissioni è la proposta di Excelentia. società leader nel settore della mobilità elettrica, per risolvere i problemi di mobilità urbana delle nostre città, in particolare congestione del traffico, inquinamento ambientale e acustico. La peculiarità dei Neighborhood Electric Vehicles, NEVs, è di essere maneggevoli e compatti, consentire il trasporto di persone e/o beni, e sfruttare

Di |2024-03-14T11:28:57+01:00Marzo 12th, 2024|News da I4C|0 Commenti

Campania | E’ nata l’app per guidare in modo sostenibile

Aiutare i trasportatori a ottimizzare i consumi di carburante. E' l'obiettivo di MinervaS, spin-off dell'università di Salerno, che vuole ridurre i costi e l'impatto dei mezzi di trasporto con un'ottimizzazione dei consumi, adattabile ad ogni percorso, traffico e carico. Persino alla pendenza della strada, alle condizioni del meteo e a quelle psicofisiche del conducente. All'interno del

Di |2024-03-14T11:30:00+01:00Marzo 11th, 2024|News da I4C|0 Commenti

Arriva CIRO: tutti i dati sul clima, regione per regione

CIRO è il primo database per guidare le regioni verso la neutralità climatica, che abbiamo sviluppato in collaborazione con Ispra e che raccoglie, analizza e monitora dati e buone pratiche ambientali con 26 indicatori suddivisi in 8 aree tematiche:emissioni, energia, rinnovabili, edifici, industria, trasporti, agricoltura e vulnerabilità. Laboratori di innovazione e adattamento, le regioni svolgono un ruolo

Di |2024-03-04T14:11:00+01:00Marzo 1st, 2024|News da I4C|0 Commenti

Umbria | La transizione energetica partecipata dal basso

L'Umbria nell’ultimo anno ha assistito a un deciso incremento dell’eolico. La regione però ha già stabilito un primato dell’eolico, con l’inaugurazione, lo scorso luglio a Castiglione Aldobrando, del più grande impianto collettivo d’Italia: con una potenza di 999 kW, il “Castiglione” soddisferà infatti il fabbisogno energetico di quasi mille nuovi prosumer (cioè consumatori che sono

Di |2024-03-14T11:30:23+01:00Febbraio 28th, 2024|News da I4C|0 Commenti

Puglia | La regione del sole e del vento ora punta sull’agrovoltaico

La sfida della Puglia - territorio sia a forte vocazione agricola, sia baciato costantemente dal sole - è trasformarsi in un laboratorio per l'agrovoltaico. Fra i tanti progetti che partiranno a breve, nelle campagne di Poggio Imperiale in provincia di Foggia e a poca distanza dal Lago di Lesina, sorgerà un grande impianto di agrovoltaico per un totale

Di |2024-03-14T11:30:51+01:00Febbraio 28th, 2024|News da I4C|0 Commenti

Emilia Romagna | Più alberi e biodiversità per sfidare la crisi climatica

Perché non piantare alberi lungo gli undici chilometri che costeggiano il tratto autostradale cittadino di Parma, in modo da offrire mitigazione e una ulteriore chance ai servizi ecosistemici della città? E' questa la domanda a cui risponde il Consorzio Forestale "KilometroVerdeParma", nato a maggio 2020 con l'obiettivo di creare boschi perenni in tutto il territorio di

Di |2024-03-12T13:21:50+01:00Febbraio 28th, 2024|News da I4C|0 Commenti

A Milano arriva la pioggia: l’inquinamento se ne va, i problemi restano

DI ANDREA BARBABELLA, PUBBLICATO ORIGINARIAMENTE SU HUFFPOST Oramai da diversi anni in Cina si sperimenta una tecnologia – il cloud seeding, l’inseminazione delle nuvole - per indurre artificialmente la pioggia e mitigare, così, gli impatti delle siccità sempre più frequenti, ma anche i fenomeni di inquinamento atmosferico più gravi. A quanto pare si tratta di

Di |2024-02-28T11:23:58+01:00Febbraio 28th, 2024|Editoriali|0 Commenti

Friuli Venezia Giulia | Il letame si trasforma in biogas

Il Friuli Venezia Giulia, grazie ad una vocazione rurale e agricola, è tra le regioni in primo piano per lo sviluppo del biogas: sono circa 90 gli impianti già in funzione, localizzati principalmente nelle provincie di Udine e Pordenone. L’azienda Principi di Porcia e Brugnera è stata precursore, con la realizzazione di due tra i primi impianti

Di |2024-03-14T11:36:34+01:00Febbraio 26th, 2024|News da I4C|0 Commenti

#Milluminodimeno: come è messa l’Italia sul risparmio energetico?

Oggi 16 febbraio si celebra l’iniziativa “M’illumino di meno”, la giornata del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili, lanciata da Caterpillar e Radio2 nel 2005. Questa popolare iniziativa mira a sensibilizzare il pubblico sul valore delle iniziative di risparmio energetico. Ma l’Italia, com’è messa sui temi dell’efficienza energetica? Proviamo a rispondere prendendo come

Di |2024-02-16T14:04:01+01:00Febbraio 16th, 2024|Pillole|0 Commenti

Il maggior impegno dell’Europa per il clima è una necessità, anche per l’Italia

DI EDO RONCHI, PUBBLICATO ORIGINARIAMENTE SU HUFFPOST Dunque alla base delle proteste di una parte degli agricoltori, delle scelte verso le auto elettriche, delle misure per ridurre i consumi energetici degli edifici e della decarbonizzazione di alcune produzioni industriali, vi sarebbero scelte ideologiche, troppo ambientaliste ed estremiste, che caratterizzerebbero l’attuale Commissione e, più in generale, le

Di |2024-02-21T10:56:59+01:00Febbraio 16th, 2024|Editoriali|0 Commenti

Cosa è la neutralità climatica e qual è il ruolo degli assorbimenti?

Da quando abbiamo siglato l’Accordo di Parigi nel 2015, la comunità scientifica ha individuato un obiettivo di riduzione delle emissioni globali definito “neutralità climatica” che dovremo raggiungere entro il 2050. Ma cosa significa esattamente neutralità climatica? Vuole forse dire che il 31 dicembre del 2049, allo scoccare della mezzanotte, non dovrà essere emesso più

Di |2024-02-12T12:16:12+01:00Febbraio 12th, 2024|Pillole|0 Commenti

Le Regioni italiane alla sfida climatica: il 29 febbraio la presentazione del database CIRO

Le Regioni e la sfida della neutralità climatica è l'appuntamento organizzato il 29 febbraio all'interno di Key-The Energy Transition Expo da Italy for Climate che vedrà protagoniste le Regioni, fondamentali per realizzare la transizione energetica e raggiungere gli obiettivi sul clima, nel corso del quale verrà presentata la piattaforma CIRO.  Segui qui la diretta streaming CIRO (Climate Indicators for Italian

Di |2024-03-01T12:03:44+01:00Febbraio 9th, 2024|News da I4C|0 Commenti

Carbon budget: cos’è e perché non va sperperato

Spendereste più denaro di quanto avete, anche se farlo metterebbe a rischio il vostro futuro? Se la risposta è no, bene, state ragionando con prudenza e parsimonia, ma sappiate che invece è esattamente quello che stiamo facendo con il nostro pianeta. Possiamo infatti paragonare le emissioni che abbiamo prodotto fino a oggi a del

Di |2024-01-31T09:51:03+01:00Gennaio 23rd, 2024|Pillole|0 Commenti

La crisi climatica accelera le diseguaglianze. Se la transizione green rallenta, pagano il conto i più deboli

DI ANDREA BARBABELLA, PUBBLICATO ORIGINARIAMENTE SU HUFFPOST Sappiamo tutti di vivere in un mondo terribilmente ingiusto e diseguale. Secondo l’ultima edizione del World Inequality Report, l’1% della popolazione mondiale, 80 milioni di individui, detiene quasi il 40% della ricchezza globale, mentre il 50% più povero, cioè 4 miliardi di persone, possiede appena il 2% della

Di |2024-01-22T15:39:53+01:00Gennaio 22nd, 2024|Editoriali|0 Commenti

Che cos’è l’Accordo di Parigi?

Può sembrare impossibile riuscire a mettere d’accordo decine di Paesi nel prendere degli impegni per contrastare il cambiamento climatico. D’altronde, ogni Paese è diverso dall’altro per quanto riguarda non solo le sue caratteristiche economiche e sociali, ma anche la sua responsabilità storica nell’aver contribuito a creare questo problema. Così come ogni Paese è diverso dall’altro

Di |2024-01-23T13:06:26+01:00Gennaio 18th, 2024|Pillole|0 Commenti

COP28: bicchiere mezzo pieno, bicchiere mezzo vuoto

DI ANDREA BARBABELLA, PUBBLICATO ORIGINARIAMENTE SU IL SOLE 24 ORE La “storica” secondo alcuni COP28 di Dubai si è chiusa con la pubblicazione del primo Global Stocktake, ossia il primo bilancio ufficiale dell’Accordo di Parigi. Bicchiere mezzo pieno o bicchiere mezzo vuoto? Prima dell’inizio dei lavori avevo indicato tre priorità sulle quali, a giochi terminati,

Di |2023-12-20T18:04:42+01:00Dicembre 20th, 2023|Editoriali|0 Commenti

L’accordo sul clima è un gol all’ultimo minuto di una partita che stiamo perdendo

DI ANDREA BARBABELLA, PUBBLICATO ORIGINARIAMENTE SU HUFFPOST Nel 1992, a Rio de Janeiro oltre 150 Governi hanno firmato la Convenzione quadro sul cambiamento climatico delle Nazioni Unite (UNFCCC), riconoscendo così nel riscaldamento globale una potenziale minaccia per l’umanità. Con la loro firma si sono impegnate a “stabilizzare le concentrazioni di gas serra in atmosfera a

Di |2023-12-15T17:37:35+01:00Dicembre 15th, 2023|Editoriali|0 Commenti

Ora le Cop vanno riformate e bisogna accelerare sulla decarbonizzazione

DI EDO RONCHI, PUBBLICATO ORIGINARIAMENTE SU GREEN&BLUE Fare la transizione per uscire dai combustibili fossili, accelerando l’azione in questa decade critica, per conseguire emissioni nette zero entro il 2050: in questi tre impegni sono riassunte le principali e positive conclusioni della Cop28. Visto  il tentativo, messo in campo, fino all’ultima bozza presentata dal Presidente Sultan

Di |2023-12-14T11:12:27+01:00Dicembre 14th, 2023|Editoriali|0 Commenti

Decarbonizzare la filiera dell’alluminio – Stakeholder Forum I4C

Lunedì 27 novembre si è svolto l’incontro dello Stakeholder Forum sul Clima di Italy for Climate sul tema della decarbonizzazione dell’alluminio, il secondo di una serie di appuntamenti dedicati al PNIEC e in particolare all’industria, realizzati in collaborazione con il CONAI.   Questi incontri hanno come focus le prospettive di decarbonizzazione di alcune filiere delle materie prime e rappresentano importanti occasioni di confronto tra

Di |2023-12-11T13:02:28+01:00Dicembre 11th, 2023|News da I4C|0 Commenti

Avanti così, l’Italia raggiungerà la neutralità climatica tra 200 anni

DI ANDREA BARBABELLA, PUBBLICATO ORIGINARIAMENTE SU HUFFPOST Siamo nel pieno della 28° Conferenza delle Parti a Dubai. Con il primo global stocktake, il bilancio sugli impegni dei Governi che hanno firmato l’Accordo di Parigi, questa Cop comincia a fare i conti. Sappiamo già che nel complesso le ambizioni dei singoli Stati sono ancora molto distanti

Di |2023-12-06T15:20:18+01:00Dicembre 6th, 2023|Editoriali|0 Commenti

Stocktake: arriva la pagella della COP28

L’Accordo di Parigi siglato da oltre 190 Paesi nel 2015 non impone a questi degli obiettivi vincolanti calati dall’alto, come era accaduto con la precedente esperienza, a scala ridotta, del Protocollo di Kyoto. Viceversa, si basa sulla trasmissione da Parte dei Governi firmatari al Segretariato delle Nazioni Unite di impegni volontari, definiti in assoluta autonomia,

Di |2023-11-29T23:20:20+01:00Novembre 29th, 2023|Pillole|0 Commenti

Loss and damage: i meno colpevoli e i più colpiti

Gli effetti del riscaldamento globale sono oramai sempre più evidenti, e spesso più devastanti, ogni anno che passa. E portano con sé un numero di vittime e danni economici sempre più elevati. Questo vale in modo particolare per i Paesi più poveri, che si trovano al centro di un paradosso della storia: sono, infatti, in

Di |2023-11-29T23:21:08+01:00Novembre 29th, 2023|Pillole|0 Commenti

India: il terzo emettitore, la prossima Cina?

L’India ha ormai superato la Cina come Paese più popoloso del Pianeta, dove vivono 1,48 miliardi di persone. Ed ha raggiunto negli ultimi anni anche un altro primato: ha superato l’Europa ed è divenuto il terzo emettitore mondiale di gas ad effetto serra, con 3,5 miliardi di tonnellate di anidride carbonica equivalente. Rimane comunque

Di |2023-11-30T16:12:23+01:00Novembre 29th, 2023|Pillole|0 Commenti

Unione Europea: ancora leader delle politiche climatiche?

L’Unione Europea è considerata da anni un leader indiscusso della transizione verso le zero emissioni, non solo perché ha il primato di riduzione delle emissioni di gas serra (-27% rispetto al 1990), ma anche perché, rispetto agli altri grandi emettitori mondiali, ha le emissioni decisamente più contenute sia in valore assoluto, con circa 3,5

Di |2023-11-30T16:05:19+01:00Novembre 29th, 2023|Pillole|0 Commenti

Stati Uniti: finalmente pronti a puntare sul green?

Gli Stati Uniti sono il secondo grande emettitore al mondo, con  il 12% delle emissioni di gas serra globali. Sono anche, di gran lunga, il primo grande Paese per emissioni pro-capite: un cittadino americano in media è responsabile dell’emissione in atmosfera di 18 tonnellate di gas serra l’anno, il 60% in più di un

Di |2023-11-30T16:04:02+01:00Novembre 29th, 2023|Pillole|0 Commenti

Cina: il gigante delle emissioni è davvero a un bivio?

La Cina è da ormai vent’anni il primo Paese al mondo per le emissioni di gas serra: da sola rappresenta il 30% delle emissioni globali e un cittadino cinese ha delle emissioni pro-capite ben superiori a quelle di un europeo, con 11 tonnellate all’anno di gas serra per abitante. Il rapido sviluppo dell’economia cinese

Di |2023-11-30T15:45:11+01:00Novembre 29th, 2023|Pillole|0 Commenti

Verso Cop28. Il futuro del clima in mano a 4 economie con il 62% del Pil globale e oltre metà delle emissioni

DI CHIARA MONTANINI, PUBBLICATO ORIGINARIAMENTE SU HUFFPOST Le Conferenze delle parti (COP), organizzate ogni anno per portare avanti i negoziati sul cambiamento climatico, sono diventate il momento in cui fare i conti con le enormi differenze di responsabilità tra chi più contribuisce a produrre emissioni di gas serra e chi più ne subisce le conseguenze

Di |2023-11-30T15:44:07+01:00Novembre 29th, 2023|Editoriali|0 Commenti

I meno colpevoli e i più colpiti: lo snodo di COP28 su Loss and Damage

Alla vigilia della COP28, Italy for Climate intervista Roberta Boscolo, Responsabile Clima ed Energia della World Meteorological Organisation (WMO)  Sembra che la crisi climatica stia subendo una forte accelerazione, cosa dicono le analisi del WMO? Questa accelerazione, se confermata, come potrebbe incidere sui lavori della Cop28?  Effettivamente, man mano che il 2023 avanza, è sempre

Di |2023-11-30T15:40:42+01:00Novembre 29th, 2023|Editoriali|0 Commenti

I tre temi chiave della Conferenza sul clima

DI ANDREA BARBABELLA, PUBBLICATO ORIGINARIAMENTE SU IL SOLE 24 ORE Tre sono i temi chiave della 28° Conferenza sul clima delle Nazioni unite su cui si potranno misurarne gli esiti e, alla fine dei lavori, capire se l’evento ospitato dagli Emirati Arabi Uniti, uno dei Paesi con le più alte emissioni pro capite di gas

Di |2023-11-29T20:14:32+01:00Novembre 28th, 2023|Editoriali|0 Commenti

Gas serra, perchè la CO2 è così importante?

Cosa ha permesso alla nostra Terra di non essere una inospitale palla di ghiaccio? La presenza in atmosfera di gas ad effetto serra, che consentono di trattenere sulla Terra una parte dell’energia che ci arriva dal Sole, ha permesso al nostro pianeta di raggiungere una temperatura media di +15°C anziché di -18°C. Possiamo chiamarlo

Di |2024-01-23T15:00:54+01:00Novembre 17th, 2023|Pillole|0 Commenti

Stati Generali 2023: le imprese a confronto con la sfida green

Guardare al futuro della transizione energetica con un doppio punto di vista: quello internazionale dei paesi grandi player delle economie mondiali e quello locale, con le imprese italiane che affrontano la sfida green. E' stato questo il focus di “Le sfide per imprese e governi in un clima che cambia”, la sessione plenaria internazionale degli Stati generali della

Di |2023-11-16T10:45:32+01:00Novembre 16th, 2023|News da I4C|0 Commenti

Decarbonizzare la filiera dell’acciaio – Stakeholder Forum I4C

Lunedì 13 novembre si è svolto l'incontro dello Stakeholder Forum sul Clima di Italy for Climate sul tema della decarbonizzazione dell'acciaio, il primo di una nuova serie di appuntamenti dedicati al PNIEC e in particolare all’industria, realizzati in collaborazione con il CONAI.  Questi incontri hanno come focus le prospettive di decarbonizzazione di alcune filiere delle

Di |2023-11-17T11:59:56+01:00Novembre 16th, 2023|News da I4C|0 Commenti

Grandinate e piogge estreme, ma l’Italia è l’unico grande paese europeo senza piano di adattamento climatico

DI ANDREA BARBABELLA, PUBBLICATO ORIGINARIAMENTE SU HUFFPOST Siamo purtroppo, di nuovo, a contare vittime e danni. Di nuovo, in poche ore questa volta in Toscana è caduta la pioggia che normalmente richiederebbe giorni, settimane se non mesi. Ma cosa vuol dire oggi “normalmente”? Siamo oramai dentro una nuova fase della storia, caratterizzata da una “anormalità

Di |2023-11-14T13:22:21+01:00Novembre 14th, 2023|Editoriali|0 Commenti

La decarbonizzazione in Italia è in ritardo, ma perdiamo tempo con il nucleare

DI EDO RONCHI, PUBBLICATO ORIGINARIAMENTE SU GREEN&BLUE Il processo di decarbonizzazione in Italia è in ritardo rispetto ai nuovi target europei. Le emissioni di gas serra dei grandi impianti, grandi emettitori, che fanno parte del sistema EU-ETS, sono regolate direttamente a livello europeo. I ritardi – per esempio  nella decarbonizzazione dell’energia elettrica – per i

Di |2023-11-08T13:39:02+01:00Novembre 6th, 2023|Editoriali|0 Commenti

Stakeholder Forum sul clima: la special edition verso il PNIEC

A partire da novembre prenderà il via una nuova serie di appuntamenti speciali del nostro Stakeholder Forum sul clima che ci condurranno verso il PNIEC, il cui iter - secondo le indicazioni europee - dovrà concludersi a giugno 2024 con la pubblicazione del Piano definitivo. La necessità è emersa proprio dagli aderenti al Forum nel corso dell'ultimo

Di |2023-10-30T11:47:53+01:00Ottobre 30th, 2023|News da I4C|0 Commenti

Ma è davvero un caldo eccezionale o è sempre stato così?

Variazione della temperatura media globale rispetto alla media del periodo preindustriale osservata (linea nera) e ricostruita (linea azzurra) (Fonte: traduzione Italy for Climate su figura IPCC) Alcune persone tendono a minimizzare gli impatti del cambiamento climatico o addirittura a dubitarne affidandosi ai propri ricordi e alle proprie percezioni. Ad esempio, molti in

Di |2023-10-27T16:17:16+02:00Ottobre 24th, 2023|Pillole|0 Commenti

Stati Generali Green Economy 2023: Italy for Climate alla sessione internazionale

Tornano gli Stati Generali della Green Economy 2023! Questa dodicesima edizione, dedicata al tema “L’economia di domani: una green economy decarbonizzata, circolare e rigenerativa”, si terrà il 7 e l’8 novembre presso Italian Exhibition Group – Ecomondo, Quartiere Fieristico di Rimini. L’appuntamento è promosso dal Consiglio Nazionale della Green Economy ed è realizzato in collaborazione

Di |2023-11-07T19:30:16+01:00Ottobre 23rd, 2023|News da I4C|0 Commenti

Perché l’IPCC è il più autorevole organismo scientifico sul cambiamento climatico?

Con questa pillola inauguriamo la serie ABClima, un insieme di contenuti ideati con l'obiettivo di fare chiarezza in merito ai principali dubbi connessi al cambiamento climatico, sempre partendo da dati e fonti e autorevoli.  Per poter contrastare la crisi climatica in corso è determinante avere un quadro scientificamente fondato e condiviso delle dinamiche in

Di |2023-10-30T16:36:10+01:00Ottobre 17th, 2023|Pillole|0 Commenti

Io, Chiara e il Green: Italy for Climate torna su Isoradio ogni mercoledì alle 14.00

Io, Chiara e il green è l’appuntamento quotidiano di Isoradio in cui s’incontrano scienziati, architetti, giornalisti, esploratori, botanici, poeti, giovani, artisti e persone comuni di ogni genere impegnate a difendere il Pianeta; ognuno a suo modo con la volontà di confrontarsi e creare una rete di conoscenza con il comune obiettivo di rendere migliore la nostra

Di |2023-10-31T15:14:34+01:00Ottobre 15th, 2023|News da I4C|0 Commenti

Rinnovabili: al via la collaborazione con greenApes con le sfide sui falsi miti

Prende il via oggi il nuovo progetto a fianco di greenApes per coinvolgere la community sostenibile con diverse sfide correlate ai nostri falsi miti sulle rinnovabili. greenApes srl SB è una B Corp certificata, fondata nel 2012, con la missione di promuovere e incentivare stili di vita eco-sostenibili. La app greenApes coinvolge le persone nell’adozione

Di |2023-10-26T12:34:26+02:00Ottobre 12th, 2023|News da I4C|0 Commenti

La lezione del Vajont che non abbiamo ancora imparato

DI ANDREA BARBABELLA, PUBBLICATO ORIGINARIAMENTE SU GREEN&BLUE Sessanta anni fa, alle 10 e 39 di sera, una frana di quasi 300 milioni di metri cubi di roccia precipita da monte Toc, a oltre 100 chilometri orari, dentro il serbatoio artificiale del Vajont. L’onda che ne risulta, alta fino a 250 metri, supera in parte la

Di |2023-10-12T13:18:31+02:00Ottobre 9th, 2023|Editoriali|0 Commenti

Dubbi sul clima? Questi grafici spiegano perché gli scettici hanno torto

DI ANDREA BARBABELLA, PUBBLICATO ORIGINARIAMENTE SU HUFFPOST Tirando un bilancio di fine estate, quello che colpisce non sono tanto gli eventi catastrofici o comunque eccezionali che hanno funestato il nostro Paese e non solo (largamente previsti dalla comunità scientifica), ma il vivace dibattito sul cambiamento climatico che ha caratterizzato gli ultimi mesi in Italia. Un

Di |2023-10-02T16:01:22+02:00Ottobre 2nd, 2023|Editoriali|0 Commenti

All’Italia conviene accelerare o rallentare la transizione ecologica?

DI EDO RONCHI, PUBBLICATO ORIGINARIAMENTE SU HUFFPOST Dal 1990 al 2022 l’Italia ha ridotto di circa il 20% le emissioni di gas serra, meno della media europea (-25%), meno della Francia (-22%) e della Germania (-36%). Nell’ultimo quinquennio il trend dell’Italia è peggiorato: tra il 2017 e il 2022 l’Italia ha ridotto le proprie emissioni

Di |2023-09-21T09:36:10+02:00Settembre 21st, 2023|Editoriali|0 Commenti

Agricoltura e acqua: i consumi più alti, il settore più colpito

L’agricoltura è il settore che consuma più acqua in Italia. Sono concentrati in questo settore oltre il 40% dei prelievi nazionali, pari a circa 16 miliardi di metri cubi ogni anno mediamente. Siamo secondi in Europa per consumo di acqua in agricoltura, dopo la Spagna, mentre al terzo posto si trova la Grecia. Prelievi

Di |2023-10-02T17:46:32+02:00Settembre 18th, 2023|Pillole|0 Commenti

Un italiano su 5 vive in un’area a rischio alluvioni

La crisi climatica sta già causando eventi estremi come alluvioni, piogge intense e grandinate, sempre più violenti e frequenti. Quanto accaduto in Emilia-Romagna tra il 16 e il 17 maggio ne è un esempio: in soli due giorni è caduta una quantità d’acqua che di norma cade in sei mesi. Secondo i dati riportati

Di |2023-09-27T09:59:13+02:00Settembre 12th, 2023|Pillole|0 Commenti

L’Italia è il Paese europeo con il più grave stress idrico

L’indice di stress idrico è l’indicatore con cui si misura se un territorio sta utilizzando troppa acqua, rispetto a quella di cui dispone. Secondo gli studiosi, i prelievi di acqua in un Paese non dovrebbero superare il 20% della quantità disponibile sul territorio: andare oltre questa soglia significa trovarsi in una condizione di stress

Di |2023-09-27T10:06:16+02:00Settembre 5th, 2023|Pillole|0 Commenti

Quanta acqua consumiamo in Italia?

Nel 2017 l’Italia ha prelevato dal deflusso idrico interno (cioè, dalla quantità disponibile di risorsa idrica sul territorio nazionale) una quantità di acqua pari a 39 miliardi di metri cubi. Questo dato risale al 2017 - ultimo anno presenta dati disponibili completi da Eionet, ma è in linea con la media nazionale dell’ultimo trentennio

Di |2024-03-22T12:05:51+01:00Luglio 31st, 2023|Pillole|0 Commenti

Di quanta acqua disponiamo in Italia?

La quantità di acqua disponibile in un territorio dipende da quanta ne arriva tramite precipitazione e da quanta ne viene persa a causa dei fenomeni di evaporazione e di traspirazione da parte delle piante. Ciò che rimane è chiamato deflusso interno ed è l’acqua che soddisfa i bisogni idrici nazionali, resa disponibile attraverso i

Di |2024-03-22T12:02:24+01:00Luglio 21st, 2023|Pillole|0 Commenti

“Anormalità climatica permanente”. L’Italia è il paese con più sete d’acqua

DI ANDREA BARBABELLA, PUBBLICATO ORIGINARIAMENTE SU HUFFPOST Siamo entrati oramai in una nuova epoca di “anormalità climatica permanente”, in cui le temperature più elevate hanno già modificato il ciclo dell’acqua. Come da anni ci ricordano gli scienziati del clima, il principale effetto del riscaldamento globale in corso è quello di aumentare frequenza e intensità di

Di |2023-07-19T12:35:10+02:00Luglio 12th, 2023|Editoriali|0 Commenti

L’acqua in Italia in un clima che cambia: presentato il Report nel corso della Conferenza nazionale sul clima

Troppa o troppo poca? L’acqua in Italia, in un clima che cambia è lo Special Report che abbiamo presentato nel corso della quarta Conferenza nazionale sul clima 2023 che si è svolta il 5 luglio a Roma, promossa da Italy for Climate con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, della Commissione Europea e di Rai per la Sostenibilità, durante la quale

Di |2023-08-23T11:31:31+02:00Luglio 6th, 2023|News da I4C|0 Commenti

Le parole della transizione 2023: 10 interviste a imprese promotrici del cambiamento

Investimenti in settori strategici, progetti sul territorio per integrare valori etici e ambientali, piani di sviluppo del settore energetico, proposte di modelli per favorire il confronto e la coesione tra stakeholder. C’è tutto questo nel secondo numero de Le Parole della transizione, nel quale ci siamo confrontati con le imprese promotrici di Italy for Climate sul

Di |2023-07-07T14:22:33+02:00Luglio 6th, 2023|News da I4C|0 Commenti

Crisi climatica: il suo aggravamento colpisce il nostro presente e il nostro domani

250 litri d’acqua al metro quadrato in poco più di un giorno: è solo uno dei numeri della catastrofica alluvione che ha colpito la Romagna nel maggio scorso, numeri che non si erano mai presentati in quella zona. Una precipitazione così intensa si spiega con l’aumento della temperatura, con l’aumento dell’evaporazione dei mari, l’aumento della

Di |2023-07-03T17:20:13+02:00Luglio 3rd, 2023|News da I4C|0 Commenti

Intervista a Davide Bollati, Presidente Gruppo Davines

“L’abbondanza entro i confini planetari richiede una profonda trasformazione della mentalità. Non crescita senza limiti, e nemmeno limiti alla crescita, ma crescita entro i limiti“. E’ la citazione di Johan Rockström tratta dal libro “Grande mondo, piccolo pianeta. La prosperità entro i confini planetari” che Davide Bollati, Presidente del Gruppo Davines, cita all’inizio di quest’intervista

Di |2023-07-03T18:32:04+02:00Luglio 3rd, 2023|News da I4C|0 Commenti

Intervista a Agostino Re Rebaudengo, Presidente Elettricità Futura

«La priorità è sbloccare la transizione energetica, risolvendo definitivamente le criticità della burocrazia autorizzativa. Le autorizzazioni per le rinnovabili mancano, e le poche che arrivano impiegano anche 6 anni oltre i limiti di legge». Ne è convinto Agostino Re Rebaudengo, Presidente di Elettricità Futura. La visione che oggi ispira il suo operato alla guida dell’Associazione

Di |2023-07-03T17:15:03+02:00Luglio 3rd, 2023|News da I4C|0 Commenti

Intervista ad Andrea Illy, Presidente illycaffè S.p.A

«Sostenibilità vuol dire perpetuare le condizioni di vita sul pianeta agendo sulla rigenerazione spontanea della biosfera. E’ necessario quindi adottare un approccio sistemico che sia in grado di coinvolgere tutti gli aspetti della transizione». E’ questo il contributo che propone Andrea Illy, Presidente di illycaffè S.p.A, azienda multinazionale specializzata nella produzione di caffè. Nella storia

Di |2023-07-03T17:13:02+02:00Luglio 3rd, 2023|News da I4C|0 Commenti

Intervista ad Alessandra Astolfi, Global Exhibition Director Green & Technology division di Italian Exhibition Group Spa

«E’ indispensabile che il nostro paese nel suo insieme comprenda la necessità di fare sistema affinché questa transizione ecologica sia davvero un motore di sviluppo e valorizzazione delle eccellenze. Ciò passa anche da tre fattori abilitanti quali lo snellimento delle procedure autorizzative, il dialogo tra stakeholder, il coinvolgimento delle community». E’ una delle priorità emerse

Di |2023-07-03T17:11:36+02:00Luglio 3rd, 2023|News da I4C|0 Commenti

Nel 2022 crolla il mercato delle auto elettriche in Italia, siamo gli unici in UE

Nel 2022 l’Italia ha registrato un crollo generale delle nuove immatricolazioni di automobili, con solo 1,3 milioni di unità vendute (un valore persino più basso del 2020). Il calo ha riguardato tutti i tipi di automobile, sia tradizionali che alternative, eccetto le ibride (HEV) che hanno registrato una timida crescita (+6%, con quasi mezzo milione

Di |2023-08-24T14:11:01+02:00Giugno 19th, 2023|Pillole|0 Commenti

Nel 2022 in Italia è record di pompe di calore. Perchè è una buona notizia?

Con 500.000 unità, nel 2022 l’Italia si posiziona al primo posto nella classifica europea per quantità di pompe di calore vendute. Ad avvicinarsi ai valori dell’Italia è solo la Francia, mentre gli altri paesi europei seguono con numeri di unità vendute decisamente inferiori.   Questo dato va nella giusta direzione verso gli obiettivi di decarbonizzazione degli

Di |2023-07-04T17:14:50+02:00Giugno 9th, 2023|Pillole|0 Commenti

Siamo senza una legge per il clima. L’Italia, colpita e vulnerabile, non sta facendo la sua parte

DI EDO RONCHI, PUBBLICATO ORIGINARIAMENTE SU HUFFPOST Il 16 e il 17 maggio sulla Romagna sono caduti fino a 250 litri di acqua al metro quadrato, su terreni già inzuppati per precipitazioni intense che c’erano state anche dall’1 al 3 maggio. Su questo territorio, in due settimane, è caduta la pioggia che solitamente cadeva in

Di |2023-09-07T17:11:50+02:00Maggio 24th, 2023|Editoriali|0 Commenti

Le emissioni di gas serra in Italia ancora non si riducono

Nel 2022, secondo le stime preliminari di Ispra, le emissioni di gas serra in Italia si sono attestate a circa 418 milioni di tonnellate di CO2 equivalente, un valore praticamente uguale al 2021 e solo di poco inferiore al 2019. In pratica, al netto degli effetti temporanei della pandemia, l’Italia negli ultimi anni non è

Di |2023-08-24T16:21:19+02:00Maggio 16th, 2023|Pillole|0 Commenti

La difesa del clima passa dall’India: se usa il carbone ci giochiamo l’acqua

DI ANDREA BARBABELLA, PUBBLICATO ORIGINARIAMENTE SU HUFFPOST Secondo le Nazioni unite, quest’anno la popolazione indiana supererà quella cinese e l’India diventerà il Paese più popoloso del mondo, ospitando quasi il 18% della popolazione mondiale. Si potrebbe pensare che il nuovo gigante asiatico possa ripercorrere le orme della potenza cinese che con la crescita degli ultimi

Di |2023-07-10T13:30:31+02:00Maggio 9th, 2023|Editoriali|0 Commenti

Nel 2022 l’Europa taglia i gas serra, l’Italia non ci riesce

DI CHIARA MONTANINI, PUBBLICATO ORIGINARIAMENTE SU HUFFPOST Il 2022 è stato l’anno della crisi energetica, della guerra in Ucraina che ha coinvolto uno dei più importanti player del mercato dei combustibili fossili, la Russia, dei prezzi dell’energia saliti alle stelle. Ma è stato anche uno degli anni più tristemente memorabili per la crisi climatica, con

Di |2023-08-23T12:00:39+02:00Aprile 26th, 2023|Editoriali|0 Commenti

Nel 2022 cresce la dipendenza energetica dell’Italia

Nel 2022 le importazioni di combustibili fossili hanno coperto ben il 78% del fabbisogno di energia dell’Italia: restiamo dunque uno dei Paesi in Europa con la più alta dipendenza energetica dall’estero.  La questione della dipendenza energetica dell’Italia è stato senza dubbio uno dei 10 key trend che hanno caratterizzato l’Italia nel 2022. La crisi energetica

Di |2023-08-24T16:17:22+02:00Aprile 21st, 2023|Pillole|0 Commenti

2022: perché è l’anno delle due crisi?

Il 2022 verrà certamente ricordato da tutti come l’anno della crisi energetica, con un aumento dei prezzi mai visto almeno negli ultimi decenni. Questa crisi è stata trainata dall’aumento dei prezzi del gas, iniziato ben prima della guerra in Ucraina, come abbiamo raccontato nella edizione precedente del rapporto “I 10 key trend sul clima in

Di |2023-08-24T15:38:41+02:00Aprile 19th, 2023|Pillole|0 Commenti

Troppi pannelli solari in Sicilia? Sono meno che in Lombardia o in Veneto

DI ANDREA BARBABELLA, PUBBLICATO ORIGINARIAMENTE SU HUFFPOST In questi giorni ha fatto discutere l’iniziativa del presidente della Regione Sicilia, Renato Schifani, di sospendere le autorizzazioni per i nuovi impianti fotovoltaici. Alla base di questa decisione ci sarebbe un presunto danno arrecato all’ambiente, a cui si lega la mancata “compensazione economica” da parte degli operatori industriali

Di |2023-08-23T10:33:20+02:00Aprile 12th, 2023|Editoriali|0 Commenti

Auto elettrica è meglio, ma per la mobilità green servono trasporto pubblico e bici

DI ANDREA BARBABELLA, PUBBLICATO ORIGINARIAMENTE SU HUFFPOST Circa il 25% di tutte le emissioni di gas serra prodotte in Italia derivano dai trasporti, l’unico settore che, almeno fino alla pandemia, invece di ridurle le ha aumentate. Di queste, i due terzi provengono dalle automobili. Se vogliamo raggiungere la neutralità climatica entro metà di questo secolo,

Di |2023-08-23T10:33:54+02:00Aprile 3rd, 2023|Editoriali|0 Commenti

Rinnovabili e falsi miti: sole e vento ci lasciano al buio?

Un sistema elettrico basato unicamente sulle fonti rinnovabili rischia di lasciarci al buio, non potrà mai soddisfare appieno il nostro fabbisogno di energia e ci espone al rischio di rimanere senza elettricità nel momento del bisogno. Questo timore sembra essere molto diffuso nell’opinione comune riguardo le fonti rinnovabili, anche fra chi è più consapevole e

Di |2023-08-24T16:19:02+02:00Marzo 27th, 2023|Pillole|0 Commenti

Nessuno potrà dire che non lo sapevamo

DI EDO RONCHI, PUBBLICATO ORIGINARIAMENTE SU HUFFPOST Continuando con il trend attuale, le temperature medie globali aumenteranno di 1,5°C entro la prima metà degli anni 2030: entro una decina di anni quindi si supererebbe quella soglia, già individuata con l’Accordo di Parigi, che comporterebbe un serio aggravamento delle ondate di calore, delle inondazioni e delle

Di |2023-08-23T10:34:13+02:00Marzo 23rd, 2023|Editoriali|0 Commenti

Scarsa informazione e pregiudizi: cosa frena davvero la corsa delle rinnovabili in Italia

DI ANDREA BARBABELLA, PUBBLICATO ORIGINARIAMENTE SU GREEN&BLUE, LA REPUBBLICA Nel 2022, l’anno della crisi energetica che avrebbe dovuto mettere le ali ai piedi delle rinnovabili, in Italia queste hanno prodotto poco più di 100 miliardi di kWh (TWh), appena il 35% della produzione nazionale. È il dato più basso dal 2014, l’anno dei record, in

Di |2023-08-24T15:55:52+02:00Marzo 21st, 2023|Editoriali|0 Commenti

La siccità spegne le centrali, idroelettrico al minimo storico

DI ANDREA BARBABELLA, PUBBLICATO ORIGINARIAMENTE SU HUFFPOST Il 2022 è stato l’anno della grande siccità, la peggiore degli ultimi cinque secoli in Europa secondo i dati del programma Copernicus. Si è parlato molto delle ricadute economiche di questa crisi su diversi settori, a cominciare dall’agricoltura durante la stagione estiva per arrivare al turismo invernale ancora

Di |2023-07-10T13:19:06+02:00Marzo 17th, 2023|Editoriali|0 Commenti

Rinnovabili e falsi miti: eolico e solare costano troppo?

Le rinnovabili sono una fonte di energia più costosa dei combustibili fossili e del nucleare e rendono le nostre bollette più care. Oggi sono diventate più convenienti perché l’attuale crisienergetica ha colpito i mercati del petrolio e del gas, ma quando questa crisi sarà rientrata le fonti fossili torneranno ad essere la soluzione più economica

Di |2023-07-04T17:10:29+02:00Marzo 13th, 2023|Pillole|0 Commenti

Emissioni dell’agricoltura, la metà provengono dagli allevamenti

Le emissioni di gas serra prodotte dal settore dell'agricoltura in Italia ammontano a circa 40 milioni di tonnellate di CO2 equivalente, circa il 10% del totale e, diversamente dagli altri settori, sono prevalentemente emissioni di origine non energetica, ossia che non derivano dall’utilizzo di combustibili fossili. Quasi 20 MtCO2eq, ovvero la metà delle emissioni

Di |2023-08-24T16:11:04+02:00Marzo 6th, 2023|Pillole|0 Commenti

Rinnovabili e falsi miti: che impatto hanno sul paesaggio?

Una forte crescita delle rinnovabili rischierebbe di riempire l’Italia di distese di pannelli fotovoltaici e di pale eoliche, deturpando l’ambiente e rovinando il paesaggio. Questo timore sembra essere ancora diffuso nell’opinione pubblica, alimentato in alcuni casi anche da movimenti locali di opposizione alla realizzazione degli impianti e da alcune associazioni ambientaliste di matrice per lo

Di |2023-08-24T16:16:32+02:00Marzo 1st, 2023|Pillole|0 Commenti

Il bambino, il Superbonus e l’acqua sporca

DI ANDREA BARBABELLA, PUBBLICATO ORIGINARIAMENTE SU GREEN&BLUE, LA REPUBBLICA Il Superbonus del 110% è oggi al centro di un dibattito pubblico che, come sempre più spesso  accade (vedasi, tra gli ultimi, quello sull’auto elettrica), esclude in partenza ogni possibile sfumatura di grigio e lascia che ad esprimersi siano solo gli esponenti più intransigenti di due

Di |2023-07-10T13:24:14+02:00Febbraio 24th, 2023|Editoriali|0 Commenti

L’Europa ha scelto l’auto elettrica, opporsi vuol dire perdere mercato

DI EDO RONCHI, PUBBLICATO ORIGINARIAMENTE SU HUFFPOST Anche se il Regolamento europeo deve ancora passare dalla formale approvazione del Consiglio, la decisione su una fine ormai non molto lontana della produzione delle auto alimentate con carburanti fossili, diesel e benzina, è stata presa da tempo.Con l’Accordo di Parigi nel 2015 la comunità internazionale ha deciso

Di |2023-07-10T13:28:59+02:00Febbraio 23rd, 2023|Editoriali|0 Commenti
Torna in cima