Pillole

Basilicata | Le performance per contrastare il cambiamento climatico

Come sta andando la Basilicata nella lotta al cambiamento climatico? Dal database CIRO una panoramica delle performance aggiornate della regione, con punti di forza e fronti su cui migliorare. EMISSIONI: gli assorbimenti naturali in rapporto alla superficie regionale sono più elevati della media nazionale, mentre le emissioni pro-capite sono peggiori.  ENERGIA: nel complesso, i consumi

Di |2024-04-18T09:13:31+02:00Aprile 18th, 2024|Pillole|0 Commenti

Campania | Le performance per contrastare il cambiamento climatico

Come sta andando la Campania nella lotta al cambiamento climatico? Dal database CIRO una panoramica delle performance aggiornate della regione, con punti di forza e fronti su cui migliorare. EMISSIONI: con 3,3 tonnellate di gas serra per abitante, la Campania ha le emissioni pro capite più basse d’Italia; gli assorbimenti naturali in relazione alla

Di |2024-04-18T15:10:34+02:00Aprile 11th, 2024|Pillole|0 Commenti

Calabria | Le performance per contrastare il cambiamento climatico

Come sta andando la Calabria nella lotta al cambiamento climatico? Dal database CIRO una panoramica delle performance aggiornate della regione, con punti di forza e fronti su cui migliorare. EMISSIONI: la Calabria registra una buona performance, con emissioni pro-capite più basse della media nazionale, mentre sugli assorbimenti forestali la performance del 2022 è particolarmente

Di |2024-04-08T10:17:27+02:00Aprile 8th, 2024|Pillole|0 Commenti

Sardegna | Le performance per contrastare il cambiamento climatico

Come sta andando la Sardegna nella lotta al cambiamento climatico? Dal database CIRO una panoramica delle performance aggiornate della regione, con punti di forza e fronti su cui migliorare. EMISSIONI: gli assorbimenti naturali in rapporto alla superficie sono superiori alla media nazionale, mentre le emissioni pro capite di gas serra, purtroppo, sono le più

Di |2024-04-03T12:08:58+02:00Aprile 3rd, 2024|Pillole|0 Commenti

Emilia Romagna | Le performance per contrastare il cambiamento climatico

Come sta andando l’Emilia Romagna nella lotta al cambiamento climatico? Dal database CIRO una panoramica delle performance aggiornate della regione, con punti di forza e fronti su cui migliorare.  EMISSIONI: gli assorbimenti naturali in Emilia-Romagna sono in linea con la media nazionale, mentre le emissioni di gas serra sono più alte, in parte da

Di |2024-03-25T10:59:39+01:00Marzo 25th, 2024|Pillole|0 Commenti

Abruzzo | Le performance per contrastare il cambiamento climatico

Come sta andando l'Abruzzo nella lotta al cambiamento climatico? Dal database CIRO una panoramica delle performance aggiornate della regione, con punti di forza e fronti su cui migliorare.  Emissioni: l’Abruzzo registra una buona performance per quanto riguarda le emissioni pro-capite ed è fra le regioni con il più alto numero di assorbimenti naturali in rapporto

Di |2024-03-15T13:00:44+01:00Marzo 15th, 2024|Pillole|0 Commenti

#Milluminodimeno: come è messa l’Italia sul risparmio energetico?

Oggi 16 febbraio si celebra l’iniziativa “M’illumino di meno”, la giornata del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili, lanciata da Caterpillar e Radio2 nel 2005. Questa popolare iniziativa mira a sensibilizzare il pubblico sul valore delle iniziative di risparmio energetico. Ma l’Italia, com’è messa sui temi dell’efficienza energetica? Proviamo a rispondere prendendo come

Di |2024-02-16T14:04:01+01:00Febbraio 16th, 2024|Pillole|0 Commenti

Cosa è la neutralità climatica e qual è il ruolo degli assorbimenti?

Da quando abbiamo siglato l’Accordo di Parigi nel 2015, la comunità scientifica ha individuato un obiettivo di riduzione delle emissioni globali definito “neutralità climatica” che dovremo raggiungere entro il 2050. Ma cosa significa esattamente neutralità climatica? Vuole forse dire che il 31 dicembre del 2049, allo scoccare della mezzanotte, non dovrà essere emesso più

Di |2024-02-12T12:16:12+01:00Febbraio 12th, 2024|Pillole|0 Commenti

Carbon budget: cos’è e perché non va sperperato

Spendereste più denaro di quanto avete, anche se farlo metterebbe a rischio il vostro futuro? Se la risposta è no, bene, state ragionando con prudenza e parsimonia, ma sappiate che invece è esattamente quello che stiamo facendo con il nostro pianeta. Possiamo infatti paragonare le emissioni che abbiamo prodotto fino a oggi a del

Di |2024-01-31T09:51:03+01:00Gennaio 23rd, 2024|Pillole|0 Commenti

Che cos’è l’Accordo di Parigi?

Può sembrare impossibile riuscire a mettere d’accordo decine di Paesi nel prendere degli impegni per contrastare il cambiamento climatico. D’altronde, ogni Paese è diverso dall’altro per quanto riguarda non solo le sue caratteristiche economiche e sociali, ma anche la sua responsabilità storica nell’aver contribuito a creare questo problema. Così come ogni Paese è diverso dall’altro

Di |2024-01-23T13:06:26+01:00Gennaio 18th, 2024|Pillole|0 Commenti

Stocktake: arriva la pagella della COP28

L’Accordo di Parigi siglato da oltre 190 Paesi nel 2015 non impone a questi degli obiettivi vincolanti calati dall’alto, come era accaduto con la precedente esperienza, a scala ridotta, del Protocollo di Kyoto. Viceversa, si basa sulla trasmissione da Parte dei Governi firmatari al Segretariato delle Nazioni Unite di impegni volontari, definiti in assoluta autonomia,

Di |2023-11-29T23:20:20+01:00Novembre 29th, 2023|Pillole|0 Commenti

Loss and damage: i meno colpevoli e i più colpiti

Gli effetti del riscaldamento globale sono oramai sempre più evidenti, e spesso più devastanti, ogni anno che passa. E portano con sé un numero di vittime e danni economici sempre più elevati. Questo vale in modo particolare per i Paesi più poveri, che si trovano al centro di un paradosso della storia: sono, infatti, in

Di |2023-11-29T23:21:08+01:00Novembre 29th, 2023|Pillole|0 Commenti

India: il terzo emettitore, la prossima Cina?

L’India ha ormai superato la Cina come Paese più popoloso del Pianeta, dove vivono 1,48 miliardi di persone. Ed ha raggiunto negli ultimi anni anche un altro primato: ha superato l’Europa ed è divenuto il terzo emettitore mondiale di gas ad effetto serra, con 3,5 miliardi di tonnellate di anidride carbonica equivalente. Rimane comunque

Di |2023-11-30T16:12:23+01:00Novembre 29th, 2023|Pillole|0 Commenti

Unione Europea: ancora leader delle politiche climatiche?

L’Unione Europea è considerata da anni un leader indiscusso della transizione verso le zero emissioni, non solo perché ha il primato di riduzione delle emissioni di gas serra (-27% rispetto al 1990), ma anche perché, rispetto agli altri grandi emettitori mondiali, ha le emissioni decisamente più contenute sia in valore assoluto, con circa 3,5

Di |2023-11-30T16:05:19+01:00Novembre 29th, 2023|Pillole|0 Commenti

Stati Uniti: finalmente pronti a puntare sul green?

Gli Stati Uniti sono il secondo grande emettitore al mondo, con  il 12% delle emissioni di gas serra globali. Sono anche, di gran lunga, il primo grande Paese per emissioni pro-capite: un cittadino americano in media è responsabile dell’emissione in atmosfera di 18 tonnellate di gas serra l’anno, il 60% in più di un

Di |2023-11-30T16:04:02+01:00Novembre 29th, 2023|Pillole|0 Commenti

Cina: il gigante delle emissioni è davvero a un bivio?

La Cina è da ormai vent’anni il primo Paese al mondo per le emissioni di gas serra: da sola rappresenta il 30% delle emissioni globali e un cittadino cinese ha delle emissioni pro-capite ben superiori a quelle di un europeo, con 11 tonnellate all’anno di gas serra per abitante. Il rapido sviluppo dell’economia cinese

Di |2023-11-30T15:45:11+01:00Novembre 29th, 2023|Pillole|0 Commenti

Siamo sicuri che l’aumento delle temperature è causato dall’uomo?

Nella seconda metà dell’Ottocento, alcuni studiosi approfondirono il ruolo che alcuni gas, tra cui vapore acqueo e anidride carbonica, avessero nel riscaldamento dell’atmosfera terrestre. In particolare, il chimico Svante Arrenhius nel 1896 analizzò il legame tra temperatura e quantità di anidride carbonica in atmosfera. Nonostante siano passati più di 130 anni da queste scoperte, ancora

Di |2023-11-20T23:02:16+01:00Novembre 20th, 2023|Pillole|0 Commenti

Gas serra, perchè la CO2 è così importante?

Cosa ha permesso alla nostra Terra di non essere una inospitale palla di ghiaccio? La presenza in atmosfera di gas ad effetto serra, che consentono di trattenere sulla Terra una parte dell’energia che ci arriva dal Sole, ha permesso al nostro pianeta di raggiungere una temperatura media di +15°C anziché di -18°C. Possiamo chiamarlo

Di |2024-01-23T15:00:54+01:00Novembre 17th, 2023|Pillole|0 Commenti

Ma è davvero un caldo eccezionale o è sempre stato così?

Variazione della temperatura media globale rispetto alla media del periodo preindustriale osservata (linea nera) e ricostruita (linea azzurra) (Fonte: traduzione Italy for Climate su figura IPCC) Alcune persone tendono a minimizzare gli impatti del cambiamento climatico o addirittura a dubitarne affidandosi ai propri ricordi e alle proprie percezioni. Ad esempio, molti in

Di |2023-10-27T16:17:16+02:00Ottobre 24th, 2023|Pillole|0 Commenti

Perché l’IPCC è il più autorevole organismo scientifico sul cambiamento climatico?

Con questa pillola inauguriamo la serie ABClima, un insieme di contenuti ideati con l'obiettivo di fare chiarezza in merito ai principali dubbi connessi al cambiamento climatico, sempre partendo da dati e fonti e autorevoli.  Per poter contrastare la crisi climatica in corso è determinante avere un quadro scientificamente fondato e condiviso delle dinamiche in

Di |2023-10-30T16:36:10+01:00Ottobre 17th, 2023|Pillole|0 Commenti

Gli italiani sprecano troppa acqua, e non è solo per le perdite di rete

  In Italia i prelievi di acqua ad uso civile, cioè in ambito domestico e negli edifici, hanno superato i 9 miliardi di m3 e sono il 75% in più rispetto a Francia e Germania e il doppio della Spagna. Siamo di gran lunga il Paese europeo con il più alto prelievo idrico per usi

Di |2023-10-10T13:22:20+02:00Settembre 26th, 2023|Pillole|0 Commenti

Agricoltura e acqua: i consumi più alti, il settore più colpito

L’agricoltura è il settore che consuma più acqua in Italia. Sono concentrati in questo settore oltre il 40% dei prelievi nazionali, pari a circa 16 miliardi di metri cubi ogni anno mediamente. Siamo secondi in Europa per consumo di acqua in agricoltura, dopo la Spagna, mentre al terzo posto si trova la Grecia. Prelievi

Di |2023-10-02T17:46:32+02:00Settembre 18th, 2023|Pillole|0 Commenti

Un italiano su 5 vive in un’area a rischio alluvioni

La crisi climatica sta già causando eventi estremi come alluvioni, piogge intense e grandinate, sempre più violenti e frequenti. Quanto accaduto in Emilia-Romagna tra il 16 e il 17 maggio ne è un esempio: in soli due giorni è caduta una quantità d’acqua che di norma cade in sei mesi. Secondo i dati riportati

Di |2023-09-27T09:59:13+02:00Settembre 12th, 2023|Pillole|0 Commenti

L’Italia è il Paese europeo con il più grave stress idrico

L’indice di stress idrico è l’indicatore con cui si misura se un territorio sta utilizzando troppa acqua, rispetto a quella di cui dispone. Secondo gli studiosi, i prelievi di acqua in un Paese non dovrebbero superare il 20% della quantità disponibile sul territorio: andare oltre questa soglia significa trovarsi in una condizione di stress

Di |2023-09-27T10:06:16+02:00Settembre 5th, 2023|Pillole|0 Commenti

Quanta acqua consumiamo in Italia?

Nel 2017 l’Italia ha prelevato dal deflusso idrico interno (cioè, dalla quantità disponibile di risorsa idrica sul territorio nazionale) una quantità di acqua pari a 39 miliardi di metri cubi. Questo dato risale al 2017 - ultimo anno presenta dati disponibili completi da Eionet, ma è in linea con la media nazionale dell’ultimo trentennio

Di |2024-03-22T12:05:51+01:00Luglio 31st, 2023|Pillole|0 Commenti

Di quanta acqua disponiamo in Italia?

La quantità di acqua disponibile in un territorio dipende da quanta ne arriva tramite precipitazione e da quanta ne viene persa a causa dei fenomeni di evaporazione e di traspirazione da parte delle piante. Ciò che rimane è chiamato deflusso interno ed è l’acqua che soddisfa i bisogni idrici nazionali, resa disponibile attraverso i

Di |2024-03-22T12:02:24+01:00Luglio 21st, 2023|Pillole|0 Commenti

Nel 2022 crolla il mercato delle auto elettriche in Italia, siamo gli unici in UE

Nel 2022 l’Italia ha registrato un crollo generale delle nuove immatricolazioni di automobili, con solo 1,3 milioni di unità vendute (un valore persino più basso del 2020). Il calo ha riguardato tutti i tipi di automobile, sia tradizionali che alternative, eccetto le ibride (HEV) che hanno registrato una timida crescita (+6%, con quasi mezzo milione

Di |2023-08-24T14:11:01+02:00Giugno 19th, 2023|Pillole|0 Commenti

Nel 2022 in Italia è record di pompe di calore. Perchè è una buona notizia?

Con 500.000 unità, nel 2022 l’Italia si posiziona al primo posto nella classifica europea per quantità di pompe di calore vendute. Ad avvicinarsi ai valori dell’Italia è solo la Francia, mentre gli altri paesi europei seguono con numeri di unità vendute decisamente inferiori.   Questo dato va nella giusta direzione verso gli obiettivi di decarbonizzazione degli

Di |2023-07-04T17:14:50+02:00Giugno 9th, 2023|Pillole|0 Commenti

Superbonus: nel 2022 pochi risparmi energetici ma tanto fotovoltaico

Il Superbonus è stato certamente uno dei protagonisti del 2022 nel dibattito politico sulle misure di rilancio dell’economia nazionale dopo la pandemia. Lo strumento è stato concepito non solo per dare slancio ad investimenti e occupazione nel comparto edile, ma anche allo scopo di intervenire sul patrimonio edilizio esistente riqualificandolo in ottica di transizione energetica.

Di |2023-07-03T23:59:47+02:00Maggio 30th, 2023|Pillole|0 Commenti

La siccità manda l’idroelettrico, la prima fonte rinnovabile in Italia, ai minimi storici

Come emerge dal Report 10 key trend sul clima, il 2022 è stato l’annus horribilis dell’idroelettrico: a causa della siccità record, la produzione di energia idroelettrica è calata del 38%, tornando al livello degli anni ’50. Se nel 2021 la produzione di energia idroelettrica era stata pari a 45 TWh, questo valore è sceso a

Di |2023-08-24T14:15:23+02:00Maggio 22nd, 2023|Pillole|0 Commenti

Le emissioni di gas serra in Italia ancora non si riducono

Nel 2022, secondo le stime preliminari di Ispra, le emissioni di gas serra in Italia si sono attestate a circa 418 milioni di tonnellate di CO2 equivalente, un valore praticamente uguale al 2021 e solo di poco inferiore al 2019. In pratica, al netto degli effetti temporanei della pandemia, l’Italia negli ultimi anni non è

Di |2023-08-24T16:21:19+02:00Maggio 16th, 2023|Pillole|0 Commenti

Siccità e alluvioni: le due facce della crisi climatica

In questi giorni una grave ondata di piogge intense ha causato alluvioni in Emilia-Romagna, con moltissimi danni a persone ed infrastrutture. Un anno fa di questi tempi, e sempre nelle stesse zone, si iniziava a parlare della grave siccità che preoccupava gli agricoltori e che nel giro di pochi mesi sarebbe diventata uno dei più

Di |2023-08-24T14:22:48+02:00Maggio 5th, 2023|Pillole|0 Commenti

Nel 2022 cresce la dipendenza energetica dell’Italia

Nel 2022 le importazioni di combustibili fossili hanno coperto ben il 78% del fabbisogno di energia dell’Italia: restiamo dunque uno dei Paesi in Europa con la più alta dipendenza energetica dall’estero.  La questione della dipendenza energetica dell’Italia è stato senza dubbio uno dei 10 key trend che hanno caratterizzato l’Italia nel 2022. La crisi energetica

Di |2023-08-24T16:17:22+02:00Aprile 21st, 2023|Pillole|0 Commenti

2022: perché è l’anno delle due crisi?

Il 2022 verrà certamente ricordato da tutti come l’anno della crisi energetica, con un aumento dei prezzi mai visto almeno negli ultimi decenni. Questa crisi è stata trainata dall’aumento dei prezzi del gas, iniziato ben prima della guerra in Ucraina, come abbiamo raccontato nella edizione precedente del rapporto “I 10 key trend sul clima in

Di |2023-08-24T15:38:41+02:00Aprile 19th, 2023|Pillole|0 Commenti

Rinnovabili e falsi miti: sole e vento ci lasciano al buio?

Un sistema elettrico basato unicamente sulle fonti rinnovabili rischia di lasciarci al buio, non potrà mai soddisfare appieno il nostro fabbisogno di energia e ci espone al rischio di rimanere senza elettricità nel momento del bisogno. Questo timore sembra essere molto diffuso nell’opinione comune riguardo le fonti rinnovabili, anche fra chi è più consapevole e

Di |2023-08-24T16:19:02+02:00Marzo 27th, 2023|Pillole|0 Commenti

Rinnovabili e falsi miti: eolico e solare costano troppo?

Le rinnovabili sono una fonte di energia più costosa dei combustibili fossili e del nucleare e rendono le nostre bollette più care. Oggi sono diventate più convenienti perché l’attuale crisienergetica ha colpito i mercati del petrolio e del gas, ma quando questa crisi sarà rientrata le fonti fossili torneranno ad essere la soluzione più economica

Di |2023-07-04T17:10:29+02:00Marzo 13th, 2023|Pillole|0 Commenti

Emissioni dell’agricoltura, la metà provengono dagli allevamenti

Le emissioni di gas serra prodotte dal settore dell'agricoltura in Italia ammontano a circa 40 milioni di tonnellate di CO2 equivalente, circa il 10% del totale e, diversamente dagli altri settori, sono prevalentemente emissioni di origine non energetica, ossia che non derivano dall’utilizzo di combustibili fossili. Quasi 20 MtCO2eq, ovvero la metà delle emissioni

Di |2023-08-24T16:11:04+02:00Marzo 6th, 2023|Pillole|0 Commenti

Rinnovabili e falsi miti: che impatto hanno sul paesaggio?

Una forte crescita delle rinnovabili rischierebbe di riempire l’Italia di distese di pannelli fotovoltaici e di pale eoliche, deturpando l’ambiente e rovinando il paesaggio. Questo timore sembra essere ancora diffuso nell’opinione pubblica, alimentato in alcuni casi anche da movimenti locali di opposizione alla realizzazione degli impianti e da alcune associazioni ambientaliste di matrice per lo

Di |2023-08-24T16:16:32+02:00Marzo 1st, 2023|Pillole|0 Commenti

Rinnovabili e falsi miti: quanto sono marginali nel sistema energetico?

Anche se le rinnovabili stanno crescendo sempre di più, continueranno ad essere marginali rispetto alle fonti tradizionali di energia (fossili e nucleare) e sono destinate a rimanere comunque una tecnologia di nicchia nel nostro sistema energetico. Questa convinzione è ancora molto diffusa nella percezione generale sul mondo dell’energia, anche fra coloro che hanno a cuore

Di |2023-08-24T15:56:47+02:00Febbraio 20th, 2023|Pillole|0 Commenti

Rinnovabili e falsi miti: quale sarà l’impatto sull’occupazione?

La transizione energetica verso le fonti rinnovabili potrebbe avere un impatto molto negativo sui livelli di occupazione del settore energetico, in Italia come nel resto del mondo. Questo sembra essere un timore diffuso nel dibattito nazionale e portato spesso all’attenzione dei media quando si parla delle necessità di investimenti e di trasformazione del settore. Ma

Di |2023-08-24T16:18:24+02:00Febbraio 13th, 2023|Pillole|0 Commenti

L’agricoltura ha soprattutto emissioni non energetiche (e di metano)

L’agricoltura è il quarto settore per emissioni di gas serra in Italia (dopo l’industria, gli edifici e i trasporti). Nel 2021 si stima abbia immesso in atmosfera oltre 40 milioni di tonnellate di CO2 equivalente, circa il 10% del totale nazionale. Rispetto al 1990, quando ne produceva circa 48 milioni, ha tagliato le proprie emissioni

Di |2023-08-23T11:32:17+02:00Febbraio 6th, 2023|Pillole|0 Commenti

Quanto eolico e fotovoltaico ci serve in Italia?

Nel 2022, secondo gli ultimi dati di Terna, l’Italia ha installato circa 3 GW (gigawatt) di nuovi impianti rinnovabili per la generazione elettrica, in particolare 2,5 GW di fotovoltaico e 0,5 GW di eolico.   Ma 3 GW sono tanti o sono pochi? E soprattutto, sono sufficienti per realizzare gli obiettivi climatici e di transizione energetica?

Di |2023-08-24T16:14:41+02:00Gennaio 31st, 2023|Pillole|0 Commenti

Ranking Regioni 2022: il trend delle rinnovabili

Questo indicatore del Ranking racconta il trend sulle fonti rinnovabili, ovvero la performance in termini di variazione media dei consumi di energia da fonti rinnovabili che ciascuna Regione ha registrato fra il 2018 e il 2020. Il dato nazionale ha registrato una crescita molto timida, pari a +0,5%, in linea con lo stallo a cui

Di |2023-08-24T15:54:27+02:00Dicembre 22nd, 2022|Pillole|0 Commenti

Ranking Regioni 2022: le fonti rinnovabili

Il Ranking delle Regioni racconta anche la performance sulle fonti rinnovabili, ovvero quanto dei consumi di energia nel 2020 è stato soddisfatto dalle fonti rinnovabili nelle diverse Regioni italiane. Questo indicatore è quello che meno ha risentito degli effetti della pandemia, poiché il consumo da fonti rinnovabili è rimasto piuttosto costante nel 2020 e il

Di |2023-08-23T12:05:32+02:00Dicembre 19th, 2022|Pillole|0 Commenti

Ranking Regioni 2022: il trend dei consumi di energia

Questo indicatore del Ranking racconta il trend sui consumi di energia pro capite delle Regioni, ovvero la performance in termini di variazione media che ciascuna Regioni ha registrato fra il 2018 e il 2020. Com’era prevedibile a causa della pandemia, nell’ultimo biennio quasi tutte le Regioni italiane hanno ridotto i propri consumi di energia pro

Di |2023-08-24T16:01:43+02:00Dicembre 13th, 2022|Pillole|0 Commenti

Ranking Regioni 2022: i consumi di energia pro capite

Oltre alle emissioni di CO2 pro capite, il Ranking delle Regioni fotografa anche i consumi di energia pro capite, ovvero la somma delle fonti energetiche fossili (come il carbone, il petrolio e il gas) e rinnovabili che abbiamo consumato in ciascun territorio per produrre elettricità, per riscaldare gli edifici, per alimentare i processi produttivi nelle

Di |2023-08-23T12:06:01+02:00Dicembre 9th, 2022|Pillole|0 Commenti

Ranking Regioni 2022: il trend delle emissioni di CO2

L’analisi di questa seconda edizione del Ranking fa riferimento all’anno 2020 e uno degli indicatori che più è stato influenzato dalla pandemia è certamente quello che analizza il trend delle emissioni di CO2 pro capite da usi energetici nell’ultimo biennio, cioè la variazione media che ciascuna Regioni ha registrato fra il 2018 e il 2020.

Di |2023-08-23T11:32:39+02:00Dicembre 2nd, 2022|Pillole|0 Commenti

Ranking Regioni 2022: le emissioni pro capite di CO2

Il primo indicatore che abbiamo analizzato per monitorare come stanno andando le Regioni nella transizione energetica è quello che fotografa le emissioni pro capite di CO2 connesse ai consumi di energia. Si tratta di emissioni generate dal fatto che in ciascuna Regione abbiamo bruciato dei combustibili fossili (carbone, petrolio, gas) per produrre elettricità, per riscaldare

Di |2023-08-23T11:55:27+02:00Novembre 25th, 2022|Pillole|1 Commento

COP27 COP of Coffee | Bollettino numerocinque

Si chiude il sipario Cop27, si apre la trattativa di Antonio Cianciullo Due settimane di lavoro, più due giorni di tempi supplementari, non sono bastate a produrre un testo capace di tenere assieme gli equilibri politici e le indicazioni necessarie alla sicurezza climatica. La COP27 si è chiusa come l’aveva progettata il governo egiziano, forte

Di |2023-01-05T18:25:15+01:00Novembre 21st, 2022|Pillole|0 Commenti

COP27 COP of Coffee | Bollettino numeroquattro

Lula dà la carica: “Nel 2025 la Cop in Amazzonia” di Antonio Cianciullo L’energia, il ruolo della società civile, la biodiversità. Avviandosi verso le conclusioni, la Cop27 snocciola questi temi come centro delle ultime due giornate. Di fatto è un doppio percorso. Il calendario ufficiale segue gli argomenti e ognuno di loro ha forza, numeri,

Di |2023-01-05T18:25:26+01:00Novembre 17th, 2022|Pillole|0 Commenti

COP27 COP of Coffee | Bollettino numerotre

Cop27 può indicare la via nella nebbia dei conflitti fossili? di Antonio Cianciullo Nella trentennale storia delle conferenze Onu sul clima è uno schema fisso. C’è sempre chi - prima, durante e dopo - ripete in modo ossessivo che questi summit sono inutili, costosi e ipocriti. Quasi sempre i denigratori hanno avuto torto perché le

Di |2023-01-05T18:25:36+01:00Novembre 14th, 2022|Pillole|0 Commenti

COP27 COP of Coffee | Bollettino numerodue

Alla COP27 va in scena il gioco delle parti di Antonio Cianciullo Una carrellata di capi di Stato, gli interventi dei massimi dirigenti Onu, l’attenzione polarizzata sugli aspetti economici. E’ la sintesi di questo inizio della Cop27 che già al debutto ha rivelato la spaccatura tra le sue anime. Da una parte ci sono le

Di |2023-01-05T18:26:04+01:00Novembre 11th, 2022|Pillole|0 Commenti

COP27 COP of Coffee | Bollettino numerouno

La sfida di Cop27, stretta tra guerra e crisi delle risorse di Antonio Cianciullo La macchina dell’economia globale pattina sul ghiaccio, quel poco rimasto. In questi casi i manuali di guida consigliano di evitare brusche frenate e al momento giusto usare con delicatezza l’acceleratore. In molti Paesi invece lo shock energetico dell’ultimo anno sta facendo

Di |2023-01-05T18:26:13+01:00Novembre 7th, 2022|Pillole|0 Commenti

Auto elettrica: come sta andando il mercato in Italia?

Finalmente stiamo assistendo anche in Italia ad una crescita, seppur ancora timida, del mercato dell’auto elettrica: grazie agli incentivi messi in campo dal Governo, nel 2021 sono state vendute 136 mila auto elettriche, più del doppio rispetto al 2020 e 8 volte quelle del 2019. Quando si parla di auto elettriche si includono le elettriche

Di |2023-08-23T12:08:48+02:00Ottobre 21st, 2022|Pillole|0 Commenti

Auto privata vs sharing mobility: quale conviene di più?

La sharing mobility rappresenta una delle migliori soluzioni per rendere più sostenibile e decarbonizzato il modello di mobilità delle nostre città. La flotta dei servizi di sharing mobility è composta quasi interamente da veicoli a zero emissioni locali, sempre più piccoli e leggeri che in maniera più efficiente compiono lo stesso lavoro delle automobili utilizzando

Di |2022-10-14T17:30:59+02:00Ottobre 14th, 2022|Pillole|0 Commenti

Vecchie, poco elettriche, ma soprattutto troppe: le auto in Italia

Le principali responsabili delle emissioni nazionali legate ai trasporti sono le nostre automobili. Analizzare come è composto il parco circolante e come sta evolvendo il mercato nazionale può fornire qualche spiegazione sul perché il trasporto su strada in Italia segue ancora un modello di mobilità particolarmente insostenibile, oltre che qualche indicazione sulle politiche di mobilità

Di |2023-08-24T16:20:36+02:00Ottobre 7th, 2022|Pillole|0 Commenti

Trasporti: emissioni per il 90% dalla mobilità su strada (e dalle auto)

Quello dei trasporti è il terzo settore per emissioni di gas serra in Italia, dopo l'industria e gli edifici. Nel 2021 si stima abbiano generato fra le 105 e le 110 milioni di tonnellate di CO2 equivalente (pari al 25% del totale), mentre nel 1990 ne producevano 106 milioni: questo significa che quello dei trasporti

Di |2023-08-24T15:59:22+02:00Settembre 30th, 2022|Pillole|0 Commenti

Elettrificare le nostre case per azzerare le emissioni

Quello degli edifici, e in particolare delle case a uso residenziale, è un settore chiave su cui agire se vogliamo azzerare le emissioni, contrastare il cambiamento climatico in corso e ridurre la nostra dipendenza dalle fonti fossili, con tutti i rischi che essa comporta. Come fare? Una delle opzioni possibili, che proprio negli ultimissimi anni,

Di |2023-08-24T15:40:24+02:00Settembre 23rd, 2022|Pillole|0 Commenti

Quanto consumano le nostre case e perché siamo indietro in UE

Abbiamo già visto come gli edifici siano il primo settore per consumi di energia in Italia e anche quello che più di tutti gli altri li ha aumentati nel corso del tempo. Quando parliamo di edifici intendiamo, ovviamente, sia quelli pubblici che quelli privati, dai centri commerciali a scuole e ospedali ad esempio. Ma soprattutto

Di |2023-08-24T16:17:00+02:00Settembre 16th, 2022|Pillole|0 Commenti

Gli edifici in Italia sono i primi consumatori di energia

L’attuale crisi ci sta spingendo verso la ricerca di tutte le possibili modalità per ridurre i nostri consumi energetici, di gas e non solo. È importante, pertanto, sapere dove questi consumi si generano e, successivamente, quali strumenti abbiamo per ridurli. Riguardo il primo punto, forse non tutti sanno che in Italia quello degli edifici è

Di |2022-09-10T15:09:15+02:00Settembre 10th, 2022|Pillole|0 Commenti

Emissioni di gas serra: come sta andando l’Italia?

Giornate bollenti e temperature oltre la media stagionale: il principale responsabile del riscaldamento globale sono le emissioni di gas ad effetto serra, che una volta prodotte rimangono intrappolate in atmosfera e surriscaldano le temperature. Come sta andando l'Italia sulle emissioni? Il nostro Paese ha una performance sulle emissioni di gas serra abbastanza positiva rispetto agli

Di |2023-08-24T16:14:20+02:00Giugno 24th, 2022|Pillole|0 Commenti

Le rinnovabili riducono la dipendenza energetica dall’estero

Accelerare la crescita delle fonti rinnovabili permetterebbe all'Italia non solo di centrare gli obiettivi climatici, ma anche di ridurre la sua altissima dipendenza energetica dall'estero. Questo non è vero solo in teoria, ma è anche già successo nel nostro Paese, nello scorso decennio. Tra il 2008 e il 2014, infatti, abbiamo assistito in Italia ad

Di |2023-08-24T16:17:40+02:00Giugno 16th, 2022|Pillole|0 Commenti

L’Italia produce il 50% dell’elettricità da gas, la più alta in UE

Fra i grandi Paesi europei, l’Italia è quello con la più alta quota di elettricità prodotta da gas, ben il 50% nel 2021. Si tratta di una quota molto superiore alla media UE (19%) e agli altri partner europei. Questo perché l’Italia ha puntato molto prima e molto di più di altri Paesi su questo

Di |2023-08-23T10:45:54+02:00Giugno 10th, 2022|Pillole|0 Commenti

Il carobollette è iniziato ben prima della guerra, a causa del gas

Nell’analizzare i 10 key trend del 2021 abbiamo sottolineato come la crisi energetica, ed il conseguente “carobollette” fossero iniziati già nel corso del 2021, ben prima della guerra. Un mix di fattori, più o meno imprevisti, ha portato ad un forte aumento dei prezzi del gas nel corso dell’estate 2021, in diverse regioni del mondo

Di |2023-08-23T10:46:04+02:00Giugno 3rd, 2022|Pillole|1 Commento

L’Italia è un hotspot climatico: record di incendi nel 2021

Gli impatti della crisi climatica, comprese le ondate di calore e gli incendi, sono ormai realtà e l'Italia ne è già particolarmente esposta perché si trova in un hotspot climatico, quello del bacino mediterraneo. E infatti proprio nel 2021 è arrivato un nuovo triste record per l'Italia: è stato il Paese europeo con il più

Di |2023-08-23T10:46:13+02:00Maggio 27th, 2022|Pillole|0 Commenti

Nel 2021 in Italia le emissioni sono cresciute più del Pil

Com'era prevedibile, la ripresa economica post pandemia ha portato anche in Italia ad un significativo "rebound", cioè rimbalzo, delle emissioni nel 2021. Ma la crescita è stata più rilevante di quanto auspicato in un'ottica di green recovery: secondo le stime preliminari di Ispra, il 2021 ha segnato +6,8%, ovvero una crescita di 26 milioni di

Di |2023-08-23T11:57:57+02:00Maggio 20th, 2022|Pillole|0 Commenti

La dipendenza dell’Italia dalle importazioni di carbone

Il carbone è l’unica fonte energetica per cui l’Italia dipende interamente dalle importazioni estere. Anche per questa fonte fossile è la Russia il principale Paese da cui dipendiamo: la metà di tutto il nostro fabbisogno di carbone nel 2021 proveniva proprio dalla Russia, seguita dagli Stati Uniti (22%) e da una ventina di altri Paesi,

Di |2023-08-24T16:15:00+02:00Maggio 13th, 2022|Pillole|0 Commenti

L’Italia è l’unico Paese UE a non avere ancora una legge sul clima

Il 2021 è stato un anno cruciale per le leggi sul clima in Europa, a livello di Unione e in molti Paesi, tranne che in Italia. La spinta principale è arrivata dall’iter europeo, iniziato nel marzo del 2020 con la prima proposta di European Climate Law avanzata dall’allora nuova Commissione europea presieduta da Ursula Von

Di |2023-08-23T10:47:00+02:00Maggio 6th, 2022|Pillole|1 Commento

Fonti rinnovabili: nel 2021 ancora ferme e l’Italia è ultima in Europa

Nel 2021 l’Italia ha installato solo 1,4 milioni di kW (GW) di nuovi impianti eolici e fotovoltaici, molto meno di tutti gli altri grandi Paesi europei. Dall’ultimo Report “i 10 key trend sul clima per l’Italia” emerge come ancora nel 2021 non si sia sbloccato lo stallo delle fonti rinnovabili del settore elettrico, che invece

Di |2023-08-23T10:49:41+02:00Aprile 29th, 2022|Pillole|1 Commento

In Italia le riserve di gas e petrolio sono limitate

Aumentare la produzione di gas e di petrolio sfruttando appieno le riserve nazionali ci aiuterà a risolvere il problema della eccessiva dipendenza energetica dalle importazioni di combustibili fossili (a cominciare da quelle di gas dalla Russia)? I dati ufficiali sulle riserve nazionali di idrocarburi, sia quelle classificate come “certe” sia quelle ritenute “probabili” (che hanno

Di |2023-08-24T16:14:05+02:00Aprile 15th, 2022|Pillole|0 Commenti

La dipendenza dell’Italia dalle importazioni di petrolio

Il petrolio in Italia è stato per lunghissimo tempo la principale fonte di energia, superato dal gas solo da pochi anni. Eppure anche per questo combustibile l’Italia è fortemente dipendente dalle importazioni dall’estero: nel 2021 la produzione nazionale ha soddisfatto appena il 7% della domanda interna, pari a circa 75 milioni di tonnellate, dovendo acquistare

Di |2023-08-24T16:18:38+02:00Aprile 8th, 2022|Pillole|0 Commenti

La dipendenza dell’Italia dalle importazioni di gas

Come per gli altri combustibili fossili (petrolio e carbone), anche per il gas l’Italia ha una forte dipendenza dall’estero. La produzione nazionale copre appena il 4% del fabbisogno complessivo di gas, mentre il restante 96% (circa 76 miliardi di m3 di gas nel 2021) proviene da importazioni estere. L’alta dipendenza dall’estero non dipende dai livelli

Di |2023-08-24T16:19:24+02:00Aprile 1st, 2022|Pillole|0 Commenti

Oltre il 50% di energia da fonti nazionali grazie alla transizione energetica

L’Italia tra i Paesi europei con la più alta dipendenza energetica dall’estero, in che modo può aiutarci la transizione energetica? L’Italia dell’era industriale ha sempre avuto la necessità di importare dall’estero la maggior parte dell’energia di cui ha bisogno. Nel 1990, solo il 16% del nostro fabbisogno energetico era soddisfatto da produzione nazionale, trent’anni dopo,

Di |2023-08-24T15:45:56+02:00Marzo 25th, 2022|Pillole|0 Commenti

La Russia è il Paese da cui più dipendiamo per l’energia

Come sappiamo l’Italia è uno dei Paesi europei con la più alta dipendenza dalle importazioni per il proprio approvvigionamento di energia. Ma c’è un Paese da cui dipendiamo più che da altri: dalla Russia è arrivato un quarto di tutti i combustibili fossili – gas, petrolio e carbone – che abbiamo consumato in Italia nel 2021.

Di |2023-08-24T16:20:48+02:00Marzo 18th, 2022|Pillole|1 Commento

Da dove vengono i combustibili fossili consumati in Italia?

L’Italia è fra i Paesi con la più alta dipendenza energetica dall’estero: nel 2021 il 77% del fabbisogno energetico nazionale è stato soddisfatto dalle importazioni di combustibili fossili, ovvero gas, petrolio e carbone, mentre il restante 23% dalla produzione nazionale (soprattutto grazie alle fonti rinnovabili). I recenti eventi drammatici della guerra in Ucraina, uniti alla

Di |2023-08-24T16:17:57+02:00Marzo 11th, 2022|Pillole|0 Commenti

Affrontare dipendenza dal gas Russo, caro bollette e crisi climatica

L'Italia ha una forte dipendenza dal gas russo: nel 2021 ha importato dalla Russia 29 miliardi di metri cubi di gas, il 40% del fabbisogno nazionale. Nel frattempo i prezzi di questo combustibile sono cresciuti enormemente, creando una vera e propria emergenza economica per famiglie e imprese. E qualche giorno fa l’IPCC, l’organo tecnico della

Di |2022-03-10T10:52:58+01:00Marzo 4th, 2022|Pillole|0 Commenti

500 miliardi di euro: gli eventi climatici estremi presentano il conto all’Europa

L’obiettivo di contenere il riscaldamento entro 1,5 °C, sottoscritto da oltre 190 Paesi con l’Accordo di Parigi del 2015, ci permetterà di limitare le peggiori conseguenze della crisi climatica in corso. Ma il mondo ha già superato la soglia di +1 °C e già oggi gli impatti del riscaldamento globale sono realtà. Dobbiamo imparare a

Di |2023-08-23T10:41:29+02:00Febbraio 15th, 2022|Pillole|0 Commenti

L’energia nucleare non ci aiuterà a tagliare le bollette energetiche di famiglie e imprese

Alcune recenti discussioni  in sede europea e ancor più l’attuale crisi energetica (con la conseguente impennata dei costi dell’energia in bolletta) hanno riacceso il dibattito nazionale sul nucleare come possibile fonte per la produzione di elettricità. Ma è vero che il nucleare, a prescindere dagli irrisolti problemi di sicurezza, potrebbe aiutare a ridurre il costo

Di |2022-03-01T11:32:39+01:00Febbraio 5th, 2022|Pillole|0 Commenti

Uscire dal gas, una opzione 3 volte vincente: per il clima, la nostra sicurezza e il nostro portafogli

La drammatica situazione geopolitica a cui stiamo assistendo in queste settimane ha acceso i riflettori sull’importanza della indipendenza energetica dell’Italia e sui suoi legami con la transizione energetica. L’Italia è il secondo Paese in Europa per consumi di gas naturale, dietro solo alla Germania (con oltre di venti milioni di abitanti in più), e il

Di |2022-03-01T18:00:17+01:00Gennaio 17th, 2022|Pillole|0 Commenti

Giorno 11, COP26 DAY BY DAY – Lettere da Glasgow

La Cop26 lancia la sfida: taglio del 45% dei gas serra entro il 2030. Ma per l’Italia la strada è lunga di Antonio Cianciullo   Glasgow ha segnato un punto e passa la palla: ora tocca ai governi fare leggi e norme coerenti con gli impegni presi. E’ questa la sintesi delle due settimane di

Di |2023-01-19T17:08:07+01:00Novembre 14th, 2021|Pillole|0 Commenti

Giorno 10, COP26 DAY BY DAY – Lettere da Glasgow

Città, regioni, imprese: la seconda gamba della trattativa di Antonio Cianciullo   La Cop26 viaggia su due binari. Il problema è che non sono paralleli e vengono costruiti in progress. Quindi il rischio di collisione non è da sottovalutare. Tuttavia i delegati sono acrobati collaudati – anche se fisicamente provati essendo arrivati al decimo giorno

Di |2023-01-19T17:04:00+01:00Novembre 11th, 2021|Pillole|0 Commenti

Giorno 9, COP26 DAY BY DAY – Lettere da Glasgow

Bozza di accordo alla Cop26: per la prima volta si parla di combustibili fossili di Antonio Cianciullo   “Weak coffee and bad food” conditi con molto lavoro aveva detto lunedì Obama, un mago dell’empatia, solidarizzando con i delegati della Cop26 per le due settimane di maratona sul clima. E loro avevano ricambiato con una standing

Di |2023-01-19T17:01:57+01:00Novembre 10th, 2021|Pillole|0 Commenti

Giorno 8, COP26 DAY BY DAY – Lettere da Glasgow

Kerry: “Si arriverà a un accordo sullo scambio delle emissioni” di Antonio Cianciullo È un sentiero stretto. Molto stretto. Ma non impraticabile. Alla conferenza sul clima di Glasgow l’intesa passa per vie non convenzionali. Se i delegati vivessero in un mondo virtuale, popolato solo di paper non paper, commi in discussione e un testo con

Di |2023-01-19T16:59:45+01:00Novembre 9th, 2021|Pillole|0 Commenti

Giorno 7, COP26 DAY BY DAY – Lettere da Glasgow

A Glasgow il Paese ombra dei combustibili fossili di Antonio Cianciullo   L’articolo 6 del documento finale è il cuore della trattativa alla conferenza sul clima di Glasgow. Ma è un segreto ben nascosto. Si parla di meccanismi economici ed è un tasto delicato. Per l’ala più radicale del movimento ambientalista, piccola ma con la

Di |2023-01-19T16:57:42+01:00Novembre 8th, 2021|Pillole|0 Commenti

Giorno 6, COP26 DAY BY DAY – Lettere da Glasgow

Riforestazione sì, ma senza trucchi: è battaglia alla Cop di Antonio Cianciullo L’altra Cop è qua, sotto la pioggia. In 200 mila, secondo le stime degli organizzatori, si sono presi le strade di Glasgow per dire che il tempo giusto per agire era ieri. Oggi siamo in ritardo. Domani sarà troppo tardi. Una manifestazione che

Di |2023-01-19T16:55:10+01:00Novembre 7th, 2021|Pillole|0 Commenti

Giorno 5, COP26 DAY BY DAY – Lettere da Glasgow

Alla Cop26 è la giornata dei giovani. E i giovani festeggiano a modo loro di Antonio Cianciullo La quinta giornata era stata dedicata dalla Cop26 ai giovani. Ma i giovani hanno provveduto diversamente ad attirare l’attenzione su di loro e sulle difficoltà del loro futuro. Lo spazio se lo sono preso fuori dallo Scottish Event

Di |2023-01-19T16:52:02+01:00Novembre 6th, 2021|Pillole|0 Commenti

Giorno 4, COP26 DAY BY DAY – Lettere da Glasgow

Tra paradossi e boutade, Cop26 cerca una strada verso la concretezza di Antonio Cianciullo Dopo i fuochi d’artificio delle dichiarazioni dei big alla Cop di Glasgow, la polvere degli effetti speciali si posa e si cominciano a intravedere i contorni della realtà. La performance di Boris Johnson è stata brillante sul piano oratorio (è la

Di |2023-01-19T16:37:46+01:00Novembre 5th, 2021|Pillole|0 Commenti

Giorno 3, COP26 DAY BY DAY – Lettere da Glasgow

Il mondo della finanza inizia la riconversione green di Antonio Cianciullo   La Sfinge è la storica macchia di neve che segna la sommità del Braeriach, la terza vetta della Gran Bretagna. Ieri è sparita. L’evento era considerato estremamente raro: negli ultimi anni si sta ripetendo sempre più spesso. E’ il saluto della natura alla

Di |2023-01-19T16:34:09+01:00Novembre 4th, 2021|Pillole|0 Commenti

Giorno 2, COP26 DAY BY DAY – Lettere da Glasgow

Più foreste, meno metano: Cop26 entra nel vivo di Antonio Cianciullo L’andamento delle Cop somiglia al clima: è caotico e difficilmente prevedibile. Rispetto al copione tradizionale quest’anno c’è stato un colpo di scena. I big hanno fatto irruzione all’inizio del primo atto, invece di farsi precedere dal lungo lavoro degli sherpa e arrivare subito prima

Di |2023-01-19T16:29:28+01:00Novembre 3rd, 2021|Pillole|0 Commenti

Giorno 1, COP26 DAY BY DAY – Lettere da Glasgow

Flop al G20, la palla passa a Glasgow di Antonio Cianciullo Comincio queste lettere da Glasgow facendo un passo indietro. Partendo cioè dall’atteso vertice di Roma delle 20 maggiori economie. Un vertice che doveva passare il testimone alla conferenza sul clima organizzata dalle Nazioni Unite in Scozia dal primo al 12 novembre. Bene. Il risultato

Di |2023-03-02T12:04:36+01:00Novembre 2nd, 2021|Pillole|0 Commenti

Video-pillola: Giovani e diritto alla tutela del clima

https://www.youtube.com/watch?v=esQ5dlfp-rw Sentenza storica in Germania: la tutela del clima è stata riconosciuta come un diritto costituzionale per le giovani generazioni! Come è successo? Sarebbe possibile riconoscerlo anche in Italia? Lo abbiamo chiesto a giuristi ed esperti nel nostro Seminario presso l'università Bocconi (clicca qui per rivedere l'evento).

Di |2023-01-03T11:29:38+01:00Ottobre 14th, 2021|Pillole, Video|0 Commenti

Dal 2019 il prezzo della CO2 sta accelerando l’eliminazione del carbone dal settore elettrico

Come avevamo anticipato già qualche mese fa nel nostro Dossier “10 key trends – il clima in Italia nel 2019”, uno dei trend che ha caratterizzato il 2019 sui temi del clima è stato l’aumento dei prezzi delle quote di CO2 sul sistema europeo dell’ETS (Emissions Trading Scheme). Il sistema ETS prevede, infatti, un mercato

Di |2023-08-23T10:50:31+02:00Agosto 6th, 2020|Pillole|0 Commenti

Dopo anni di continui progressi, le emissioni delle nuove automobili tornano a crescere. Perché?

Nel Dossier 10 key trend sul clima in Italia, Italy for Climate ha esplorato, tra gli altri, l’andamento delle immatricolazioni di autoveicoli e le conseguenze relative alle emissioni medie di CO2 delle nuove auto vendute in Italia aggiornando il dato al 2019 e mostrando un trend molto recente, purtroppo, poco incoraggiante. Negli ultimi anni le nuove

Di |2023-08-23T12:02:24+02:00Luglio 2nd, 2020|Pillole|0 Commenti

23%: il contributo della circular economy alla decarbonizzazione dell’economia globale

Un recente report del Programma ambientale delle Nazioni Unite (UNEP) ha focalizzato l’attenzione sul contributo alle emissioni globali di gas serra dei processi di produzione dei materiali e su come il passaggio a un modello di economia circolare possa contribuire al conseguimento degli obiettivi climatici. Secondo l’UNEP, infatti, la produzione di materiali è responsabile di

Di |2023-08-23T12:34:43+02:00Maggio 28th, 2020|Pillole|0 Commenti

Nel 2020 2,6 miliardi di tonnellate di CO2 in meno: il calo più alto mai registrato nella storia

L’Agenzia Internazionale dell’Energia (IEA) ha recentemente analizzato gli effetti sui consumi energetici, e conseguentemente sulle emissioni, delle misure restrittive poste in essere per contrastare la pandemia da Covid-19 e della conseguente crisi economica globale. La IEA prevede che nel 2020 assisteremo ad un crollo delle emissioni mai registrato prima nella storia: 2,6 miliardi di tonnellate

Di |2023-08-23T12:02:40+02:00Maggio 15th, 2020|Pillole|0 Commenti

-35% le emissioni di CO2 nel lockdown: lo stesso taglio necessario al 2030 per il clima

La pandemia di coronavirus che ha colpito l’Italia e il mondo intero ha richiesto misure restrittive senza precedenti all’economia e alla mobilità. A partire dai dati nazionali sui consumi elettrici, di gas e di prodotti petroliferi, Italy for Climate ha stimato solo per il mese di marzo 2020 un taglio di quasi 6 milioni di

Di |2023-08-23T12:03:14+02:00Aprile 29th, 2020|Pillole|0 Commenti

1980-2019:+1,7°C. Viviamo già oggi in un Paese molto più caldo rispetto a pochi decenni fa

Il 2019 è stato il quarto anno più caldo mai registrato a livello globale e chiude il decennio più caldo di sempre. È sempre più evidente come il cambiamento climatico indotto dall’uomo stia generando già oggi un progressivo riscaldamento globale, ma gli effetti di questo mutamento non sono uguali per tutti. L’Italia è, fra i

Di |2023-08-23T10:51:27+02:00Aprile 3rd, 2020|Pillole|0 Commenti

Perché l’elettrificazione dei consumi può aiutare a ridurre le emissioni di gas serra

Quali sono le emissioni di un kilowattora di energia elettrica? Dipende ovviamente da quali tecnologie e quali fonti energetiche usiamo per produrlo. Questo valore è molto variabile tra diversi Paesi e Regioni e anche nel tempo. L’Italia, grazie alla diffusione delle fonti rinnovabili, all’utilizzo limitato di carbone e a centrali a gas naturale ad alta

Di |2023-08-23T12:03:54+02:00Marzo 27th, 2020|Pillole|0 Commenti

Anche tenendo conto di import/export, la Cina resta il principale responsabile della crescita delle emissioni globali

Emissioni di CO2 calcolate sul punto di emissione (territorial) o sul punto di consumo (consumption) – miliardi di tonnellate Nell’ambito del modello di rendicontazione ufficiale adottato per la Convenzione ONU sul clima, le emissioni di gas serra di un Paese sono tutte quelle generate all’interno dei confini territoriali. Alcuni esperti criticano questo approccio,

Di |2020-05-18T17:12:39+02:00Febbraio 18th, 2020|Pillole|0 Commenti

Nel 2018 calano le rinnovabili in Italia e il target al 2030 è sempre più lontano

Eurostat ha da poco pubblicato i dati relativi alla quota di fabbisogno energetico soddisfatto dalle fonti rinnovabili registrata nel 2018, secondo la contabilizzazione prevista dalla Direttiva sulle fonti rinnovabili. Complessivamente, i 28 Paesi dell’UE hanno raggiunto una quota rinnovabili del 18% in crescita di mezzo punto percentuale rispetto all’anno precedente. Fra le grandi economie l’Italia

Di |2020-02-12T14:59:22+01:00Gennaio 28th, 2020|Pillole|0 Commenti

I cambiamenti climatici sono il più grande rischio per l’economia globale

I rischi connessi ai cambiamenti climatici rappresentano la più grande minaccia per l’economia globale. Per la prima volta dall’inizio dell’analisi, pubblicata ogni anno nel Global Risks Report, il network di esperti e decision-makers del World Economic Forum ha individuato nel cambiamento climatico la principale fonte di rischio per un’economia globale già frammentata e sottoposta a

Di |2023-08-23T12:22:30+02:00Gennaio 16th, 2020|Pillole|0 Commenti

Fra pochi decenni saranno 130 miliardi di € i danni economici annui in Italia a causa della crisi climatica

[counter type='zero' box='no' box_border_color='' position='left' digit='130' font_size='' font_color=' text='' text_size='' text_color='' separator='undefined' separator_color=''] miliardi € i danni ogni anno al Pil a causa dei cambiamenti climatici nel 2050 [/counter] L’Italia è uno dei Paesi europei più esposti alla crisi climatica. Proseguendo con il trend attuale potrebbe registrare fra pochi decenni fino a 130 miliardi di

Di |2020-03-12T13:14:45+01:00Novembre 13th, 2019|Pillole|0 Commenti

L’allarme delle Nazioni Unite: nel 2018 le emissioni globali di gas serra crescono ancora e gli obiettivi climatici al 2030 si allontanano

Nel 2018 è stato raggiunto un nuovo record per le emissioni di gas serra globali, con oltre 55 miliardi di tonnellate di CO2 equivalente immesse in atmosfera, confermando un trend di crescita media annuo dell'1,5% nell'ultimo decennio. Secondo l'Emission Gap Report 2019, il Rapporto annuale del Programma Ambientale delle Nazioni Unite, a dominare il trend

Di |2020-03-12T13:17:37+01:00Novembre 11th, 2019|Pillole|0 Commenti

Gli effetti di un green deal in Italia: grazie a misure di green economy si avranno 800 mila nuovi posti di lavoro nel 2025

800 mila nuovi posti di lavoro e 240 miliardi di euro di valore aggiunto per l’economia: sarebbero gli effetti al 2025 di un Green New Deal per l’Italia con interventi su 5 ambiti strategici della green economy. Centrare la sfida climatica richiederà enormi investimenti, ma rappresenterà una incredibile opportunità di rilancio dell’economia e

Di |2020-03-12T13:22:07+01:00Settembre 11th, 2019|Pillole|0 Commenti
Torna in cima